Incontinenza urinaria maschile: i trucchi per un’estate sotto controllo

handstand-2224104_1920

L’estate è uno dei momenti più attesi dell’anno, ma spesso non mancano i dubbi, le incertezze e i disagi. Disagi che diventano causa di stress e insofferenza quando ad andare in vacanza è quel 35% degli uomini oltre i 40 anni che può avere problemi alle vie urinarie e quell’1 su 4 che può manifestare episodi di perdite urinarie.

“Per questi uomini non è semplice convivere con le perdite urinarie soprattutto d’estate, durante la quale da una parte l’aumento delle temperature enfatizza il problema dei cattivi odori, della sudorazione e aumenta il rischio di infezioni uro-genitali, dall’altra intervengono implicazioni psicologiche legate all’esigenza di indossare vestiti leggeri” spiega Andrea MILITELLO, Urologo, Responsabile servizio di urologia e andrologia presso la casa di cura Nuova Santa Teresa (Viterbo).

Lo specialista in Urologia elenca alcuni trucchi su come affrontare al meglio i disagi legati ai problemi uro- ginecologici e tenere sotto controllo le perdite urinarie per partire mettendo in valigia la soluzione ad ogni imprevisto:

  1. L’idratazione fa bene e aiuta a mantenere sana la vescica.Non ridurre l’apporto idrico durante la giornata, è importante assumere almeno 2 litri di acqua al giorno dilazionando l’apporto di liquidi durante tutta la giornata. Evita invece caffè, tè, bevande gassate e alcool perché contribuiscono alla reattività della vescica.
  2. Fai scorta di tutto il necessario e non sottovalutare l’importanza di portare con te delle protezioni assorbenti. Esistono in commercio protezioni ad elevato potere assorbente in grado di lasciare asciutto lo strato di tessuto a contatto con le mucose per ridurre il rischio di infezioni, arrossamenti e irritazioni. Studiati per l’anatomia maschile, assicurano comfort e discrezione, così da gestire al meglio ogni situazione.
  3. Presta attenzione alla tua igiene intima e ai cambi.Soprattutto con l’estate e le alte temperature, è importante cambiare più frequentemente le protezioni assorbenti utilizzate e aumentare i lavaggi intimi, per ridurre il rischio di batteri, cattivo odore e infezioni. Un buon alleato contro questo rischio sono le salviette intime antisettiche.
  4. Diverse protezioni per diversi usi Utilizza protezioni diverse a seconda delle tue specifiche esigenze, anche in termini di vestibilità: da uno scudo protettivo, più discreto e in grado di offrirti un’elevata discrezione, a una mutandina a più elevato potere assorbente simili alla tua biancheria intima.
  5. Abitua la vescica allo svuotamento programmato, così da essere più libero durante le tue uscite. È un ottimo modo per rieducare la vescica e averne, pian piano, il controllo che si rivela utilissimo nelle situazioni di ‘gita fuori porta’.

6. Gioca di anticipo con gli esercizi di Kegel.
La ginnastica pelvica è un valido aiuto per la riabilitazione del pavimento pelvico e migliorare la gestione dell’incontinenza urinaria. Dopo aver individuato i muscoli corretti, bastano delle semplici e veloci contrazioni di 5/10 secondi per ottenere risultati importanti e soprattutto avere maggiore consapevolezza del proprio corpo e del proprio disagio. Alcuni esempi di esercizi e consigli pratici sono illustrati su solotusaiche.it, un sito completo dove informarsi, dialogare con esperti e consultare approfondimenti legati alla salute maschile.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *