“Sentirsi in forma in città si può?”

Pigri, ma nel complesso soddisfatti della propria forma: così appaiono gli italiani in un’indagine della Cuore Nutrition Academy, che ha messo a confronto 10 centri urbani

E con l’estate alle porte,  la forma fisica torna in voga più che mai. Secondo una ricerca condotta in collaborazione con la Cuore Nutrition Academy (www.cuorenutritionacademy.it) gli italiani affronteranno la bella stagione sentendosi molto o abbastanza in forma (il 61%). E quando non si prendono cura di sé ammettono di farlo per pigrizia in 6 casi su 10. Le città più virtuose appaiono Milano, Bologna e Trento. Quelle meno attive sarebbero Torino, Trieste, Roma e Genova.

L’indagine è stata realizzata su 10 città campione (Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Trento, Trieste, Torino, Venezia), per verificare come gli italiani si mantengono in forma nei centri urbani, dove aree pedonali, spazi verdi e piste ciclabili possono rivelarsi uno strategico alleato al movimento quotidiano.

Il 70% degli italiani concorda sul fatto che sentirsi in forma passi da una corretta alimentazione e dall’attività fisica, ma su quest’ultimo punto gli intervistati predicano bene e razzolano male: mentre camminare e avere un’alimentazione equilibrata sono effettivamente al primo posto (rispettivamente 88% e 82%) tra le attività più importanti per sentirsi in forma, quelle di correre, andare in palestra e andare in bicicletta sono tra le prime citate, ma tra le ultime effettivamente svolte dai cittadini (rispettivamente 33%, 31% e solo 27%).

Camminare è l’attività ritenuta migliore per sentirsi in forma (da 4 intervistati su 10) e quella di gran lunga maggiormente svolta in tutte le 10 città (88%).

Sorprende che correre sia in assoluto l’attività meno praticata in città, con la debole eccezione di Milano in cui arriva a un 17%, anche se nella correlazione con il benessere percepito chi corre si sente mediamente meglio rispetto agli altri. La praticano soprattutto gli uomini (per il 64%) e lo smog sembra essere la maggiore causa frenante.

Solo 1 intervistato su 3 va in bicicletta e qui la mancanza di piste ciclabili è la barriera più citata. Le città che più amano pedalare sono Venezia, Milano e Trento.

Written By
More from Silvia Bianchi

Gli italiani sono sempre connessi, anche sotto l’ombrellone

Gli italiani passano sempre più tempo al cellulare e non riescono ad...
Leggi Tutto

Lascia un commento