PREPARATI, ESIGENTI, INSODDISFATTI ED ECO-FRIENDLY: IDENTIKIT DEGLI ITALIANI PRIMA E DOPO LA PANDEMIA

Cambiano le abitudini, cambia il modo di vivere. Cambia il modo di considerare l’igiene. Personale e dei luoghi di lavoro.  Gli  Italiani si svelano un popolo di igienisti e super-attenti. È quanto emerge dall’indagine condotta da BVA-Doxa. 

Gli aspetti di approfondimento della ricerca si sono concentrati su come l’emergenza sanitaria legata al COVID-19 per verificare quanto abbia influito sull’importanza percepita della pulizia e disinfestazione nei luoghi di lavoro e quanto i lavoratori italiani diano importanza all’igiene in questi ambienti, senza dimenticare il ruolo che questi servizi, fondamentali per la salute, ricoprono anche nella gradevolezza degli ambienti e sulla produttività lavorativa.

Complice la pandemia, gli italiani, dunque, si sono rivelati molto sensibili a tutti gli aspetti indagati dalla ricerca, che ha evidenziato quattro profili: preparati, esigenti, insoddisfatti ed eco-friendly.

I PREPARATI/SICURI – Sono circa il 24% degli intervistati, pari a circa 4,4 milioni di italiani occupati, prevalentemente uomini che vivono nelle regioni del Nord Ovest, tra i 35 e i 44 anni. Lavorano in punti vendita o in strutture ospedaliere e dichiarano che l’attenzione all’igiene personale e delle mani è da sempre alta sia da parte delle aziende che dei lavoratori stessi, sia prima che dopo il periodo di emergenza dovuta al virus SARS-CoV-2. L’elevata attenzione all’igiene personale presente già prima dell’emergenza fa sì che, ad eccezione del distanziamento sociale, non ci saranno particolari differenze comportamentali nelle fasi successive. Ritengono però che le aziende dovrebbero impegnarsi di più nel far rispettare il distanziamento sociale, igienizzare i bagni e disinfettare gli spazi comuni (72%).

GLI ATTENTI/ESIGENTI – È il gruppo a cui appartengono 3,6 milioni di lavoratori, il 20% della popolazione intervistata. Anche in questo caso si tratta in prevalenza di uomini nella fascia d’età tra i 55 e i 60 anni, residenti nel Nord Ovest. Se prima del COVID-19 erano molto attenti principalmente all’igiene dei sanitari, ora lo sono anche per l’igiene delle superfici (50%) e delle mani (49%). Non cambieranno le loro abitudini forse, ma richiedono più attenzione da parte dei datori di lavoro che non mostravano sensibilità verso l’igiene già da prima dell’emergenza: hanno sperimentato infatti la presenza di diversi insetti nel luogo di lavoro e sono molto infastiditi dai cattivi odori e dai residui di cibo.

GLI INSODDISFATTI – Quasi 3,3 milioni di italiani occupati (il 18% della popolazione tra i 45 e i 54 anni) appartengono a questo gruppo: sono sia uomini (49%) che donne (51%), residenti nelle regioni del Nord Est, del Sud e delle isole. Dichiarano di essere sempre stati attenti all’igiene della persona – anche se un po’ meno di quella specifica delle mani – ma fanno notare che le aziende in cui lavorano non si sono mai particolarmente preoccupate dell’igiene sul luogo di lavoro. Ritengono molto importante avere pavimenti puliti e scrivanie igienizzate. Sono infastiditi dalla scarsa pulizia dei luoghi (71%), dalla scarsa igiene da parte dei colleghi (81%) e dal cattivo odore (79%). Anche se non si trovano particolarmente a disagio a causa degli insetti, ritengono che l’azienda dovrebbe fare di più per prevenirne la presenza (73%). Tornando sul luogo di lavoro faranno più attenzione al distanziamento sociale (74%), all’igiene delle superfici e dell’aria (73%) ma non cambieranno di molto le loro abitudini in generale.

GLI ECO-FRIENDLY – È il gruppo più numeroso, costituito dal 39% degli italiani intervistati, ovvero oltre 7 milioni di lavoratori. Si tratta in maggioranza di uomini tra i 35 e i 44 anni che vivono principalmente nel Sud e nelle isole. Nonostante abbiano sempre considerato la correlazione tra igiene e sicurezza per evitare malattie e infezioni, sono quelli più propensi a cambiare il proprio comportamento al ritorno al lavoro. Abituati a considerare tutti gli aspetti dell’igiene sia legati alla persona che agli ambienti, sono inseriti in realtà lavorative attente a queste dinamiche. Anche se dichiarano di essersi sentiti a disagio a causa della presenza di insetti, riconoscono il buon operato dell’azienda per la disinfestazione. Vorrebbero che la loro azienda fosse più attenta al verde (43%) e alla scelta di prodotti biologici (44%), magari anche nell’utilizzo di purificatori e profumatori per ambienti. 

In generale, dall’indagine BVA-Doxa emerge che per gli Italiani tutti gli aspetti riguardanti l’igiene degli ambienti influiscano in modo significativo su una buona produttività e – tra tutti – le donne si rivelano più sensibili su questo tema, così come gli addetti dei settori ospitalità/ristorazione, sanitario e scuola/impianti sportivi.

Inoltre, per quanto riguarda i comportamenti che i lavoratori adotteranno nella «nuova normalità», il principale è sicuramente il distanziamento sociale (96%), ma cambieranno per molti anche la maggior attenzione all’igiene personale (82%), il tragitto casa lavoro (70%) e la pausa pranzo (70%).

 

Written By
More from Valeria Rossini

“SOS ACARI” , la campagna SULL’ALLERGIA AGLI ACARI E SU COME COMBATTERLA

L’allergia non colpisce solo in primavera. Arriva l’autunno, si torna a vivere...
Leggi Tutto

Lascia un commento