Miopia e altri difetti visivi: sono ormai oltre 2 milioni gli impianti con lenti intraoculari ICL

Sono reversibili, non modificano le strutture anatomiche dell’occhio, non causano secchezza oculare, sono morbide, sono flessibili e offrono migliore qualità visiva. Sono le lenti intraoculari ICL (Intraocular Collamer Lenses) costituite da un materiale altamente biocompatibile, il collamero. La tecnologia utilizzata per impiantarle è sofisticata. E, quel che più conta, la procedura affidabile e sicura permette di correggere il difetto visivo, dalla miopia all’astigmatismo e alle ipermetropie. Senza peraltro causare reazione di rigetto perché queste lenti mantengono inalterata la composizione chimica dell’occhio oltre a preservare la cornea e il cristallino naturale e a proteggere dai raggi UV. Ecco perché, da oltre 25 anni, grazie all’evoluzione tecnica messa a punto dalla ricerca oftalmologica statunitense, sono state effettuate più di 2 milioni di procedure. L’impianto delle lenti ICL è una tecnologia con centinaia di studi clinici all’attivo, oltre 25 anni di esperienza certificata dalla Food & Drug Administration FDA statunitense e che ha ricevuto l’approvazione delle autorità sanitarie locali (il marchio CE di Conformità Europea), stabilendone la sicurezza e l’efficacia.

“Si tratta di un impianto di lente dentro l’occhio, dietro l’iride, ma senza punti di sutura. In breve, una specie di lente a contatto sul cristallino che ci consente di correggere tutti i difetti refrattivi e dare una qualità di immagine estremamente elevata”, spiega il dottor Pietro Barboni dello Studio Oculistico D’Azeglio di Bologna e già professore a contratto presso la Clinica Neurologica dell’Università di Bologna.

6 persone su 10 soffrono di difetti visivi – Il più diffuso è la miopia, che colpisce circa il 40/45% di italiani che hanno difficoltà di visione. “L’impianto di ICL”, prosegue Barboni, “è particolarmente indicato quando sono presenti malattie della cornea come il cheratocono, dove il laser non può essere fatto oppure quando si soffre di miopie elevate, sopra le 6-7 diottrie, e l’intervento refrattivo con il laser non ha buona efficacia. Con l’impianto di lenti ICL, invece, si può intervenire anche su miopie gravi, fino a 15 o anche 18 diottrie. E anche ipermetropie fino a 6, 7 o 8 diottrie. È un intervento che si può fare già dopo i 20 anni d’età ed è una procedura che dà grandi soddisfazioni nella funzione visiva postoperatoria. Infatti, il recupero visivo è quasi immediato”.

L’intervento è reversibile – La correzione chirurgica con questo tipo di impianto di lente tra cristallino naturale e cornea ha, inoltre, il vantaggio di essere reversibile. In pratica, rimovibile e aggiornabile qualora, molto raramente, il difetto visivo del paziente dovesse richiederlo, e permette di non modificare in alcun modo l’anatomia dell’occhio, come riporta il sito https://it.discovericl.com. Non più, dunque, un intervento di nicchia dedicato soprattutto ai pazienti con difetti refrattivi. Ma una procedura sempre più frequente che ha visto allargarsi, nel corso degli anni, le possibili indicazioni.

“Quando un chirurgo si sente sicuro della tecnica che sta eseguendo e che propone, inevitabilmente la consiglia a un numero sempre maggiore di pazienti. Questo”, spiega il dottor Giacomo Savini, dello Studio Oculistico D’Azeglio a Bologna e Visiting Professor all’Università di Wenzhou in Cina, “anche a discapito della chirurgia laser che ha visto contemporaneamente ridurre le proprie indicazioni”.

Quali i vantaggi della procedura ICL rispetto al laser? – “L’ICL presenta alcuni vantaggi non di poco conto rispetto al laser ad eccimeri”, conclude Savini. “Prima di tutto la reversibilità, in secondo luogo non induce occhio secco, complicanza che dopo il laser si verifica molto frequentemente; terzo: la più elevata qualità visiva. Noi non basiamo tutto solo sul numero di decimi che il paziente vede, ma esistono tante sfumature: c’è la sensibilità al contrasto, gli aloni durante la notte. Tutto questo ha dei risultati migliori con ICL rispetto al laser”.

 

Written By
More from Severina Cantaroni

Il giorno in cui diventai mia madre

“…Presi a odiare mia madre. Non riuscivo a perdonarla per avermi insegnato...
Leggi Tutto

Lascia un commento