MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE: IL PROGETTO PILOTA DI UN AMBULATORIO INTEGRATO DI GASTROREUMATOLOGIA ALL’OSPEDALE NUOVO REGINA MARGHERITA DI ROMA

Le malattie infiammatorie croniche gastroenteriche e reumatologiche interessano un numero sempre maggiore di italiani. Per questo motivo, si rivela particolarmente importante il progetto pilota di un ambulatorio integrato di GastroReumatologia, a carattere diagnostico-terapeutico presso l’Ospedale Nuovo Regina Margherita di Roma.

Avviato alla fine del 2014, in meno di sei mesi ha già saputo identificare circa una ventina di patologie distinte. Aperto al momento 2 volte al mese – ma si prevede presto la disponibilità una volta la settimana – l’ambulatorio accoglie quei pazienti selezionati durante le visite di reumatologia e gastroenterologia che mostrano segni e sintomi borderline nelle due specialità.
“E’ ormai assodato”, spiega il professor Vincenzo Bruzzese, Presidente Nazionale della SIGR, “che le patologie infiammatorie croniche non hanno un unico target ma che possono colpire sia l’apparato gastroenterico che quello osteoarticolare”.
Analoghe realtà in servizio sul territorio italiano si possono trovare, oltre a Roma, anche ad Avellino, Bologna, Cagliari, Sondrio.
“La necessità di una condivisione ambulatoriale tra Gastroenterologi e Reumatologi, cui si aggiunge, a volte, il Dermatologo, nasce dal fatto che alcune malattie infiammatorie croniche intestinali, quali il Morbo di Crohn o la Rettocolite ulcerosa, nel loro decorso possono complicarsi con patologie di tipo reumatico, ad esempio a carico della colonna vertebrale, le entero-spondiloartriti, ma anche a carico delle articolazioni periferiche, con un quadro clinico simile all’artrite reumatoide”, prosegue Bruzzese. “L’attivazione ospedaliera di un ambulatorio integrato consente di condividere in un unico momento protocolli terapeutici, screening e follow up, a favore di un’efficace prevenzione e miglior cura del paziente, riducendo al tempo stesso i costi sanitari e il ‘pendolarismo’ dei pazienti alla ricerca di una risposta ai propri problemi. Nato come progetto pilota, nei primi sei mesi di questa attività congiunta sono stati visitati circa 100 pazienti e fatte oltre 60 nuove diagnosi che sono state prese in carico dalla struttura”.

Solo di recente è stato individuato un meccanismo eziologico comune: “Sia nelle malattie gastrointestinali sia in quelle reumatologiche c’è un aumento dell’infiammazione mediato da molecole chiamate ‘citochine’, che producono il danno articolare da una parte e della mucosa intestinale dall’altra”, prosegue il Professor Bruzzese. “Pertanto, tracciare percorsi diagnostico-terapeutici condivisi per questo genere di patologie, facendo in modo che il paziente non si senta lasciato a se stesso ed etichettato come cronico, un monitoraggio dei casi sul territorio nazionale, un continuo scambio d’informazioni fra reumatologo e gastroenterologo – sono i primi obiettivi della Società Italiana di Gastroreumatologia”.

* I pazienti esterni all’Ospedale che hanno il sospetto di sovrapposizione patologica, nuovi o già seguiti, possono telefonare direttamente in reumatologia o in gastroenterologia al numero 06-77307215. Oppure collegarsi via internet al sito: www.aslrma.com/auslromaa, cercare il Presidio/Ospedale Nuovo Regina Margherita, poi UOC di medicina interna /reumatologia oppure UOC di gastroenterologia.

Written By
More from Stefania Lupi

Nuovo decreto sulle vaccinazioni: l’84% dei medici e’ favorevole, ma quasi un paziente su quattro è contrario

E’ ufficiale. Da settembre sarà vietato l’accesso alle scuole dell’obbligo ai bambini...
Leggi Tutto

Lascia un commento