Le novità da portare in tavola e…. non solo!

Una nuova referenza in vaschetta per il prosciutto crudi di Cuneo DOP; una gustosa merenda a base di gallette di riso, yogurt e frutta, un burro tradizionale prodotto da panne di centrifuga, biscotti tradizionali che si vestono di nuovo per accompagnare le pause della giornata 

 

È il negozio Biraghi di piazza San Carlo a Torino il primo punto vendita a ospitare la nuova referenza in vaschetta da 90 grammi del prosciutto Crudo di Cuneo DOP. La collaborazione tra le due realtà cuneesi ha preso ufficialmente avvio, registrando un’ottima risposta da parte del pubblico, che ha potuto acquistare il Crudo di Cuneo sia in negozio sia sul sito biraghiacasa.it. Il Consorzio di Tutela e Promozione del Crudo di Cuneo ha ottenuto il riconoscimento di Denominazione di Origine Protetta (DOP) per il prodotto nel dicembre 2009 e da allora ha sempre lavorato con l’obiettivo di valorizzare l’elevato numero di suini allevati nell’area di produzione, compresa tra la provincia di Cuneo, la provincia di Asti e 54 comuni della provincia di Torino. In queste zone avvengono tutte le fasi del ciclo produttivo, dalla nascita all’allevamento dei suini, dalla macellazione alla trasformazione, passando per la stagionatura, il confezionamento e l’affettatura. Inoltre, ogni singolo prosciutto è altamente tracciato perché accompagnato da una carta di identità con un QR Code che raccoglie tutte le informazioni sul prodotto, ad esempio come è stato allevato il maiale, cosa ha mangiato e dove è stato macellato. Biraghi, che a ottobre 2019 ha riaperto i locali dell’ex F.lli Paissa a Torino, ospita per la prima volta il prosciutto Crudo di Cuneo DOP in una nuova vaschetta che garantisce al consumatore la massima freschezza del prodotto e una più alta conservabilità. Il Crudo di Cuneo va ad arricchire l’ampio catalogo del negozio Biraghi che, con oltre 600 prodotti in vendita – tra i quali spiccano più di 130 etichette di vini piemontesi, 120 liquori del territorio e un assortimento di birre regionali che a breve supererà le 150 referenze – raccoglie in un unico luogo le eccellenze enogastronomiche di tutto il Piemonte, vicine per filosofia e vocazione all’azienda.

 

Per chi non vuole rinunciare a una gustosa merenda a base di yogurt e frutta, Fiorentini Alimentari presenta Yogo RiceLe gallette di riso Yogo Rice Fiorentini sposano una croccantezza unica ad una dolcezza impagabile, grazie alla copertura al gusto di yogurt e frutta. Yogo Rice sono la dimostrazione che yogurt e frutta sono buoni da soli, perfetti insieme e sublimi su una galletta di riso! Disponibile in tre varianti di frutta, fragola, mirtilli e arancia, questo snack dolce è gustoso e senza glutine, l’ideale per chi desidera regalarsi una pausa squisita in ogni momento della giornata.

 

 

 

 

Meggle, azienda familiare nata nel 1887, da oltre 130 anni offre prodotti di qualità superiore… come il Burro Tradizionale Meggle, prodotto da panne di centrifuga, ottenuto direttamente dal latte fresco. In che modo? Quando arriva il latte fresco, questo viene fatto pastorizzare e, grazie alla lavorazione di una centrifuga, si separa la parte grassa (più nutriente e gustosa), anche chiamata crema dolce, dalla restante parte, ossia dal latte scremato. La crema viene poi lasciata riposare per 16 ore e solo allora viene trasformata nel burro, compattando la materia grassa ed eliminando quella liquida. In questo modo si arriva alla creazione del pregiato panetto di Burro Tradizionale Meggle, di prima qualità, unico per sapore e cremosità.

 

 

 

 

 

MOGI presenta la sua linea di dolcezza fiorita e stellare, pensata per tutti: i biscotti della tradizione italiana si vestono di nuovo, per accompagnare le pause di gusto.  Pochi, semplici ingredienti per classici pazientini che donano il super potere della pazienza con la loro dolcezza. Biscotti tradizionali ideali per accompagnare il caffè, a colazione o nelle pause della giornata. Versatili e imprevedibili: biscotti lunatici con farina di riso per chi sceglie di essere controcorrente ma con delicatezza. Narra la leggenda che nel 1852, in un giorno di sole che stimolava gli appetiti, Re Vittorio Emanuele II fosse in vena di dolci novità. Dalla fantasia e dall’ingegno dei cuochi di corte sarebbero nati i biscotti saturnini, manicaretti che raggiunsero poi le tavole d’Italia: biscotti ripieni di gusto e tradizione italiana. Da gustare nella versione classica oppure al pistacchio o al cacao.

Written By
More from Stefania Lupi

LEISHMANIOSI: NESSUN LUOGO È A RISCHIO ZERO. LA PREVENZIONE È FONDAMENTALE

Sono poche ormai le aree che si possono dire “Leishmaniosi free”. Contano microclima...
Leggi Tutto

Lascia un commento