La forza e il sorriso Onlus : i laboratori di bellezza sbarcano online

credit: ph Elena Kloppenburg)

Dal 2007 La forza e il sorriso Onlus organizza in tutta Italia laboratori di bellezza gratuiti per aiutare le donne che affrontano il cancro a rivedersi belle e a ritrovare autostima e fiducia in se stesse, attraverso la cura della propria immagine.

L’iniziativa, patrocinata da Cosmetica Italia, l’associazione nazionale delle imprese cosmetiche, e sostenuta da 28 aziende del settore, è diffusa in 56 strutture ospitanti su tutto il territorio nazionale. Tra queste anche il Cancer Center dell’Istituto Clinico Humanitas, che dal 2013 a oggi ha ospitato oltre 80 laboratori, coinvolgendo circa 230 donne.

A causa dell’emergenza sanitaria, nel 2020 è stato necessario sospendere l’attività dei laboratori in presenza, ma, per continuare a stare vicino alle donne in trattamento oncologico, La forza e il sorriso ha implementato un nuovo programma di incontri online, che ha preso il via anche presso l’Humanitas di Rozzano (MI).

«La pandemia ha immobilizzato molte cose – commenta Anna Segatti, presidente de La forza e il sorriso Onlus, ma purtroppo non ha arginato la diffusione del cancro e quotidianamente, nei mesi scorsi, abbiamo ricevuto dai nostri referenti su tutto il territorio segnalazioni di donne che chiedevano di poter, in qualche modo, accedere al nostro servizio, per avere un momento da dedicare alla cura di sé e anche allo svago. Per chi affronta una patologia che richiede cure prolungate, l’impatto della pandemia è stato ancora più pesante. Ci siamo quindi messi all’opera per organizzare consulenze one-to-one e piccoli laboratori da 2-3 persone in videoconferenza, per continuare a supportare chi ne ha più bisogno in questo momento. Sono, quindi, felicissima di poter dare il via a questo nuova iniziativa anche in Humanitas. Ogni ente che aderisce rappresenta una possibilità in più, per le donne che stanno affrontando una dura battaglia, di ricevere una coccola e ritagliarsi un momento da dedicare solo al proprio benessere».

credit: ph Elena Kloppenburg)

«Cura e prevenzione non devono fermarsi davanti alla pandemia, questo è l’impegno del nostro Ospedale che durante questo anno di emergenza è rimasto un punto di riferimento per i pazienti oncologici – aggiunge Armando Santoro,Direttore del Cancer Center di Humanitas Accompagnare le nostre pazienti nel percorso di cura per noi significa anche aiutarle, in un periodo così particolare, a restare in contatto con il proprio corpo, prendersene cura e imparare a sentirsi belle, nonostante le difficoltà. Per il nostro Ospedale è un privilegio poter ospitare attività come queste perché crediamo che concorrano a tutti gli effetti al successo del percorso di cura».

 

I laboratori nella loro versione classica prevedono un gruppo di 4-6 donne, che si riunisce per circa due ore insieme a un beauty coach per imparare utili accorgimenti e consigli pratici per mascherare gli effetti secondari delle terapie oncologiche, tramite la cura della pelle e l’applicazione del make-up. Il tutto con il supporto di uno psicoterapeuta, che segue l’incontro e supporta le partecipanti in caso di necessità. Un’iniziativa apprezzata e partecipata, ma difficile da portare avanti in presenza nel contesto dell’emergenza che da ormai un anno sta colpendo l’intera popolazione mondiale.

credit: ph Elena Kloppenburg

Grazie al nuovo format online, che ricalca in toto quello in presenza, ma consente alle partecipanti di collegarsi al laboratorio direttamente da casa, in videoconferenza, l’attività a favore della popolazione femminile colpita da tumore può proseguire in sicurezza anche nell’ambito delle misure di contenimento della pandemia.

Anche in questa nuova modalità, ad ogni partecipante viene donata una beauty bag ricca di prodotti cosmetici, offerti dalle aziende sostenitrici della Onlus, per seguire il laboratorio e per continuare a prendersi cura di sé in modo autonomo anche dopo.

Per conoscere le prossime date e partecipare le pazienti possono riferirsi al medico tutor di riferimento della struttura ospedaliera o scrivere a cancercenter@humanitas.it.

 

 

Written By
More from Stefania Lupi

#365againstHIV: ogni giorno è un buon giorno per informarsi

Nonostante l’Italia sia uno dei Paesi, tra quelli dell’Europa Occidentale, con più...
Leggi Tutto

Lascia un commento