In arrivo gilteritinib, nuovo farmaco per i pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante o refrattaria

La leucemia mieloide acuta è un tumore del sangue dovuto alla proliferazione incontrollata di cellule midollari, dette blasti, che invadono il sangue e altri organi. È una malattia molto grave, uno dei tumori più difficili da trattare, pe rio quale ci sono stati pochi progressi negli ultimi decenni. Ma la buona notizia è l’arrivo di un farmaco, gilteritinib (prodotto da Astellas Pharma Inc., e disponibile negli Stati Uniti, in Giappone e in Paesi europei selezionati), che rappresenta uno dei pochi progressi ottenuti negli ultimi 40 anni nella cura della Leucemia Mieloide Acuta in Italia. 

Il farmaco è stato approvato dall’’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) per la rimborsabilità e il prezzo come terapia orale in unica dose giornaliera come monoterapia per la cura di pazienti adulti con leucemia mieloide acuta (LMA) recidivante (ovvero che si è ripresentata) o refrattaria (resistente al trattamento) con una mutazione FLT3 (FLT3mut+) rilevata da un test pienamente convalidato.

L’approvazione si basa sui risultati del trial di Fase 3 ADMIRAL, che ha studiato gilteritinib confrontato con chemioterapia di salvataggio in pazienti con LMA FLT3mut+ recidivante o refrattaria. I pazienti trattati con gilteritinib hanno dimostrato una sopravvivenza globale superiore rispetto a quelli che hanno ricevuto la chemioterapia di salvataggio. Le percentuali della sopravvivenza a un anno sono state del 37.1% per i pazienti che hanno ricevuto gilteritinib e del 16.7% per quelli che hanno ricevuto la chemioterapia di salvataggio.

Spiega Felicetto Ferrara, Direttore UOC di Ematologia Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale A. Cardarelli di Napoli: “La Leucemia Mieloide Acuta (LMA) può manifestarsi a qualunque età, tuttavia è più frequente sopra i 65 anni e colpisce più gli uomini che le donne. Ogni anno in Italia si registrano circa 2.000 nuovi casi di LMA (dati AIRTUM), 1.200 tra gli uomini e 900 tra le donne. La sintomatologia è caratterizzata da affanno, febbre, debolezza, frequenti infezioni, pallore, perdita di peso, dolori osseo-articolari, ingrossamento dei linfonodi, formazione di lividi o sanguinamento. Si arriva alla diagnosi attraverso la visita clinica ed esami del sangue cui seguono biopsie ossee, analisi citogenetica e marcatori molecolari. I test genetici sono fondamentali perché permettono di identificare le mutazioni genetiche e di prevedere l’eventuale risposta ai trattamenti”. 

« Fino ad oggi per il trattamento dei pazienti con LMA erano disponibili la chemioterapia di induzione e mantenimento e il trapianto allogenico di cellule staminali più le terapie di supporto. La ricerca però non si è fermata e grazie ai continui progressi è arrivata a gilteritinib, che agisce su entrambe le mutazioni del gene FLT3, spegnendo il recettore che altrimenti resta ‘acceso’ ed è causa della continua proliferazione delle cellule leucemiche – spiega Giovanni Martinelli, Direttore Scientifico dell’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (IRST) – IRCCS – Il farmaco presenta alcuni importanti vantaggi: ha un buon profilo di tollerabilità e sicurezza e viene somministrato per via orale, tre compresse da 40mg ciascuna, una sola volta al giorno. Gilteritinib può essere assunto nei pazienti con LMA FTL3 refrattari o recidivati come terapia di salvataggio, con lo scopo di ottenere la remissione ed effettuare un trapianto allogenico ove indicato».

Aggiunge il dottor Ferrara: “gilteritinib è un importante punto di svolta nella cura dei pazienti LMA con mutazione FLT3 recidivante o refrattaria che hanno un maggiore rischio di recidiva e una sopravvivenza globale minore rispetto a quelli che non presentano questa mutazione».

«Circa un terzo delle persone con leucemia mieloide acuta presentano la mutazione FLT3 e la loro malattia è quindi più soggetta a ripresentarsi, ovvero a recidivare, dopo il trattamento – commenta Giuseppe Maduri, Amministratore Delegato di Astellas Pharma Italia – Grazie all’approvazione di gilteritinib per questo specifico gruppo di pazienti, possiamo offrire ai professionisti del settore sanitario una opzione di cura mirata che ha il potenziale per migliorare la sopravvivenza». 

Written By
More from A cura della redazione

Verso la primavera in bellezza

E’ adesso il momento ideale per organizzare un progetto di messa a...
Leggi Tutto

Lascia un commento