“IL PALIO DI SAN DONATO” – CIVIDALE DEL FRIULI (UD) dal 21 al 23 agosto

Il Palio di San Donato consisteva in un confronto di arcieri, balestrieri ed in seguito archibugieri, in rappresentanza di borghi cittadini e di altre città o castelli.
A tali prove si aggiungevano quelle della corsa a piedi e a cavallo, in una cornice di fastosi intrattenimenti, con grande affluenza di nobili e popolani. La competizione vedeva contendenti di svariata provenienza, oltre che una massiccia presenza di udinesi, giungevano rappresentanti anche da Treviso, Venezia e Muggia. Alla gara del 1548 si iscrissero 79 partecipanti. Le corse a cavallo si svolgevano di preferenza su un percorso che si snodava dal campanile del Duomo fino alla pietra, detta della corsa, oltre l’abitato di Gagliano, cippo tutt’ora esistente. I premi per i vincitori consistevano in preziosi tessuti e, anche per il valore di questi, il palio era un trofeo molto ambito. Affinché fossero adeguati all’importanza ed al prestigio della città, non si badava a spese: se necessario si acquistavano a Venezia. Nel 1484 il palio del Comune, esposto per essere balestrato, era di panno; poteva trattarsi anche di damasco cremisino, damasco giallo od altro, sempre comunque della migliore qualità. L’ultimo classificato riceveva la proverbiale porcellina, oppure uno sparviero o un gallo. A partire dall’anno 2000 la tradizione secolare del Palio è stata riproposta con grande successo in tutto il suo splendore.

Anteprima. Cividale 21 Agosto 2010. Palio di San Donato 2010. Gara e turisti. Telefoto Copyright / Foto Agency Anteprima Udine.

Le TAVERNE accolgono i forestieri offrendo agli avventori prelibatezze medievali accompagnate da bevande e infusi aromatizzati, mentre le voci dei mercanti attirano i visitatori verso i ricchi e colorati banchi dei MERCATINI medievali dislocati lungo le piazze della città. Mentre le vie e le piazze si illuminano di colore e si animano di festa con cortei e spettacoli di arte di strada: tamburi, musici, animazioni, giocolieri, menestrelli e sputafuoco. Assolutamente da non perdere il TORNEO COMANDANTE MARK: gara internazionale itinerante di tiro d’arco storico nelle poste dislocate in vari punti della città.
Lungo le vie della Città Ducale si snoderà il CORTEO PATRIARCALE: donzelle, nobili e cavalieri, armigeri e popolani accompagnano i campioni dei borghi che si contenderanno il Palio

SAN 5
Seguito dalla GARA DI CORSA PEDESTRE A STAFFETTA «TROFEO DEI BORGHI DI CIVIDALE» avvincente rievocazione della tradizionale staffetta tra fanciulli e campioni di ogni borgo. La gara è valida per l’assegnazione del Palio di San Donato.
Naturalmente, come da tradizione, il PALIO DI SAN DONATO si presenta agli ospiti e ai turisti con un ricco programma di spettacolari eventi e coinvolgenti appuntamenti di intrattenimento per la gioia di grandi e piccini che ricoprono l’intero periodo della manifestazione
L’intero e dettagliato programma del PALIO DI SAN DONATO è disponibile su:  http://www.paliodicividale.it/_it/programma.asp

Tags from the story
, , ,
Written By
More from Silvano Fusi

“GIOCHI DE LE PORTE” – GUALDO TADINO (PG) dal 23 al 25 settembre

Gualdo Tadino rivive l’antico palio di San Michele Arcangelo: le quattro porte...
Leggi Tutto

Lascia un commento