IL DECALOGO ANTI-SPRECO

 

“La lotta allo spreco inizia al supermercato, quando si fa la spesa, e prosegue a casa, stando attenti a conservare i cibi nel modo più adeguato”. Lo ricorda Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (www.consumatori.it).
“Per aiutare i consumatori a limitare i prodotti che finiscono nella spazzatura”, spiega Agostino Macrì, esperto UNC in sicurezza alimentare, “abbiamo elaborato un utile decalogo antispreco. Il primo consiglio è quello di andare al supermercato con una lista della spesa pronta, avendo già pianificato i pasti della settimana, e non a stomaco vuoto, evitando così di riempire il carrello di prodotti non necessari”.
“È inoltre importante”, prosegue il professor Macrì, “scegliere gli alimenti con una vita residua più lunga (spesso sono quelli meno in vista negli scaffali del supermercato) e stare attenti alle offerte ‘3X2’ che convengono solo se poi si consuma effettivamente il prodotto. Una volta tornati a casa, è poi bene riporre ogni alimento al posto giusto, così da riuscire a conservarlo più a lungo. E, allora: frutta e verdura nei cassetti, pesce e carne cruda al primo piano, carne cotta al secondo, affettati e formaggi più in alto, conserve aperte e uova ancora più su”.
“E se ci avanza qualcosa? Si può sempre congelarlo”, conclude Macrì, “scrivendo la data sul contenitore, ma avendolo prima odorato e assaggiato per essere sicuri non sia andato a male!”.

Ecco il decalogo, punto per punto:
1)
Prima di andare al supermercato, preparare la lista della spesa, pianificando i pasti della settimana.
2) Scegliere gli alimenti con una vita residua più lunga (spesso sono quelli meno in vista negli scaffali del supermercato).
3) Non fare la spesa a stomaco vuoto: il carrello si riempirà più facilmente di prodotti inutili.
4) Occhio ai formati convenienza: il 3X2 conviene solo se si consuma effettivamente il prodotto, altrimenti aumenta solo il rischio che finisca nella spazzatura.
5) Una volta a casa, riporre con attenzione la spesa: gli alimenti più “nuovi” con una data di scadenza più lontana vanno dietro, mentre avanti vanno riposti quelli più vecchi per consumarli prima.
6) La temperatura ideale per il frigorifero è di 4 gradi.
7) Riporre, in frigo, ogni alimento nel posto giusto (frutta e verdura nei cassetti: pece e carne cruda al primo piano; carne cotta al secondo; affettati e formaggi più in alto; conserve aperte e uova ancora più su): in questo modo gli alimenti si conserveranno più a lungo.
8) Congelare gli alimenti che avanzano scrivendo sul contenitore la data.
9) Ricordare che gli alimenti scongelati e poi cotti possono essere ricongelati.
10) Consiglio della nonna: prima di buttare, aprire, odorare, assaggiare e poi decidere!

Tags from the story
, ,
Written By
More from Stefania Lupi

PROTEZIONE UV E BAMBINI: L’IMPORTANZA DI PROTEGGERLI

Scuole ai titoli di coda e tanta voglia di passare più tempo...
Leggi Tutto

Lascia un commento