IL 65% DEGLI ITALIANI VUOLE VACCINARSI ENTRO IL 2021. ITALIA SECONDA IN EUROPA DOPO LA GRAN BRETAGNA

Il 65% degli italiani è disposto a ricevere la propria dose di vaccino entro il 2021 e il 35% il prima possibile. Dati che pongono l’Italia al secondo posto tra i paesi europei analizzati dall’Edelman Trust Barometer in 28 paesi su un campione di 33.000 persone, diviso tra élite (la parte più informata e con maggior tenore di vita) e il resto della popolazione. La ricerca, giunta quest’anno alla 21esima edizione, analizza la fiducia verso aziende, media, Governo e associazioni non governative e, nell’ambito dell’analisi sul business, opera uno spaccato su diversi settori e tra questi quello legato alla salute.

Gli italiani si fidano dei vaccini in misura maggiore rispetto alla maggioranza dei paesi analizzati dalla ricerca. Infatti, il 57% del campione ha la necessità di conoscere completamente il processo di sviluppo e i contenuti scientifici legati ai vaccini per considerarli completamente sicuri, un dato inferiore al 64% della media globale e che pone il nostro paese al terzultimo posto.

Il 66% degli italiani ha fiducia nel settore salute nel suo complesso, con 5 punti guadagnati rispetto al 2020 e 16 in totale dal 2016. Un record assoluto che vede l’Italia in controtendenza rispetto al dato globale che cala di un punto. Il settore salute riscuote inoltre più fiducia rispetto al business in generale che si ferma al 59% del campione ed è al secondo posto tra i 15 settori merceologici analizzati. Nella classifica globale, l’Italia è davanti in termini di fiducia a paesi leader in campo medico e farmaceutico come gli Stati Uniti, che possono contare su alcune delle più grandi aziende del settore, o a paesi di grande tradizione come Germania e Francia o, come nel caso Giappone e Corea del Sud, all’avanguardia dal punto di vista tecnologico.

Dato positivo anche per gli ospedali che arrivano al 67% di fiducia, dato che cresce di 2 punti rispetto allo scorso anno mentre in 17 paesi su 27 è in calo e la media globale scende di 2 punti. 

In calo la fiducia per i prodotti farmaceutici di largo consumo che perdono due punti rispetto allo scorso anno, un dato però migliore rispetto alla media globale che arriva al 57% ed è in discesa di 3 punti. L’Italia, inoltre, con il 62% del campione è tra gli 11 paesi su 27 che hanno fiducia ed è al primo posto tra i paesi europei analizzati e davanti ad Australia, Canada, Stati Uniti, Giappone.

Bene anche le assicurazioni sanitarie che con il 66% del campione fiducioso guadagnano 5 punti rispetto al 2020. L’Italia fa meglio rispetto alla media globale che cala di 3 punti e si ferma al 57%. Inoltre, in 17 paesi su 27 la fiducia è in calo.

Per quanto riguarda il sottosettore biotech, Il 61% del campione ha fiducia ed il nostro paese è al secondo posto, dopo la Spagna, tra i paesi europei analizzati, nonostante un calo di 8 punti rispetto allo scorso anno.

 

Written By
More from Silvia Bianchi

CORONAVIRUS: DA FONDAZIONE ONDA UN’ALLEANZA VIRTUALE PER PROMUOVERE UNA CORRETTA INFORMAZIONE 

Grazie alla collaborazione di Istituzioni, clinici, società scientifiche, ricercatrici, ospedali con i...
Leggi Tutto

Lascia un commento