E-commerce & salute: cresce l’interesse per i farmaci da banco online

Un mercato in crescita, con il boom nell’anno appena trascorso per gli antidolorifici, seguiti dagli antiallergici, preparati per pelle, capelli e unghie, farmaci per tosse, raffreddore e influenza, farmaci per occhi, orecchie e naso, farmaci gastrointestinali, preparati per muscoli e articolazioni e prodotti dimagranti.

Un vero successo quello dei farmaci da banco venuti online, che nel 2022  ha segnato un +124% rispetto al 2021, secondo l’ indagine di idealoportale internazionale leader in Europa nella comparazione prezzi – secondo cui diventano sempre di più gli italiani che si avvalgono dei canali digitali per questo tipo di acquisti.

Al top gli antidolorifici,  balzati ulteriormente in cima alle ricerche degli italiani nella prima settimana di gennaio 2023, passato il periodo delle festività natalizie in cui abitualmente si esagera con il cibo, segnando un aumento del 56% delle intenzioni di acquisto rispetto alla settimana precedente.

Quanto al target che predilige il web si sfiora il 31% quando si parla di acquisti effettuati da un pubblico femminile mentre si stima il 15% in riferimento al pubblico maschile.

L’interesse per il comparto farmaci cresce con l’avanzare dell’età, coinvolgendo (negli ultimi 3 mesi presi in esame) il 13% dei giovani tra i 16 ed i 24 anni, il 19% del pubblico tra i 25 e i 34 anni, il 24% tra i 35 e i 44 anni, il 26% tra i 45 e i 54 anni ed il 33% tra gli over 55. Dunque, la categoria solitamente meno avvezza agli acquisti online, si conferma la più interessata a comprare farmaci attraverso i canali digitali.

Purtroppo, però, l’inflazione ha colpito anche il settore dei farmaci da banco, facendo registrare in media un aumento dei prezzi annuali del 7% sull’intero comparto, con picchi specifici per i farmaci legati al cavo orale (+27%), vitamine e minerali (+17%), preparati per muscoli e articolazioni (+13%) e farmaci per occhi, orecchie e naso (+10%).

Ciononostante, il canale online continua ad essere un alleato del risparmio. Infatti, nel corso dell’anno chi ha osservato con attenzione le fluttuazioni del dynamic pricing ha potuto risparmiare – ad esempio – fino al 39% sui preparati per muscoli e articolazioni, fino al 37% su vitamine e minerali, fino al 18% sui prodotti dimagranti, fino al 15% sui rimedi per smettere di fumare, fino al 14% sui rimedi per insonnia e stress e fino al 10% sugli antidolorifici.

“I dati della nostra ultima indagine confermano come, a seguito della liberalizzazione della vendita online di farmaci senza prescrizione medica, il comparto sia cresciuto rapidamente negli ultimi anni, ampliando la propria presenza digitale e consentendo risparmi non indifferenti – ha commentato Antonio Pilello, responsabile della comunicazione di idealo per l’Italia – L’utilizzo della comparazione dei prezzi, infatti, permette di monitorare l’andamento delle offerte e di non perdere gli eventuali sconti grazie agli “avvisi di prezzo” via e-mail o via app.”

 

Written By
More from Stefania Lupi

CIRMOLOTERAPIA in Alto Adige

Tre hotel di montagna sfruttano le proprietà benefiche del cirmolo, inserendolo negli...
Leggi Tutto

Lascia un commento