DEGENERAZIONE MACULARE SENILE: CAUSA PIÙ COMUNE DI IPOVISIONE TRA GLI OVER 60

Tra le patologie prevalenti negli anziani ci sono quelle oftalmologiche, come la cataratta, che colpisce 1 persona su 4 dopo i 70 anni, o la degenerazione maculare senile, la più comune causa di ipovisione tra gli over 60. D’altra parte la popolazione italiana è in continuo invecchiamento. Le stime attuali parlano di quasi 20 milioni di over 65, di cui oltre 4 milioni avranno più di 85 anni nel 2050, con un tasso di incidenza e prevalenza di patologie croniche destinato inevitabilmente ad aumentare. Il tema è stato affrontato dall’Associazione Italiana dei Medici Oculisti (AIMO) nel corso dell’VIII Congresso della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute organizzato da Senior Italia che si è svolto al Palacongressi di Rimini.

“La degenerazione maculare senile è la causa più comune di grave riduzione della vista tra gli over 60”, ha fatto sapere il presidente di AIMO, Luca Menabuoni. “Per arginare il problema è necessaria una maggiore prevenzione attraverso visite programmate, così come è fondamentale potenziare gli ambulatori di I livello di strumenti tecnologici in grado di fare diagnosi veloci e non invasive, qual è la Termografia ottica computerizzata (OCT). Serve poi una crescente sinergia tra gli oculisti del territorio e coloro che lavorano nelle strutture ospedaliere. Per questo si potrebbe pensare a un canale dedicato di telemedicina che consenta un confronto immediato per i casi più complessi e di fare il punto sulle prestazioni terapeutiche o chirurgiche da adottare. Tutto questo ridurrebbe in maniera significativa le disfunzionalità visive e contemporaneamente la spesa farmaceutica, facilitando anche l’aderenza alle politerapie tipiche del paziente anziano”.

Sono sempre di più gli anziani affetti da più di una patologia, una condizione che si riflette inevitabilmente sulla polifarmacoterapia, fenomeno rilevante se si considera che in media gli anziani assumono 5/6 farmaci al giorno. Questo comporta problematiche di aderenza alla terapia e interazione tra i farmaci anche in ambito oftalmologico, per esempio per quanto riguarda la terapia del glaucoma, che possono inficiare il trattamento in maniera significativa.

“Proprio per affrontare questo problema AIMO fa parte del CIAT- Comitato Italiano per l’Aderenza alle Terapie”, sottolinea Alessandra Balestrazzi, referente di AIMO per i rapporti con le istituzioni, “che riunisce società scientifiche, medici, infermieri, farmacisti, istituzioni e associazioni di pazienti per sensibilizzare gli addetti ai lavori e i cittadini sull’importanza della corretta adesione ai trattamenti”.

Per far fronte a una popolazione che invecchia sempre di più, e che ha bisogno di una sempre maggiore attenzione ai suoi problemi di salute, secondo l’AIMO la comunità scientifica ha infine necessità di istituire tavoli di confronto ‘a misura di anziano’ che coinvolgano professionisti di vari settori sanitari, allo scopo di individuare insieme le criticità del Servizio sanitario nazionale e soprattutto proporre soluzioni concrete da sottoporre alle istituzioni. “Da parte nostra continueremo intanto a impegnarci per permettere diagnosi precoci delle maculopatie”, conclude il presidente Menabuoni. “Per questo sono in programma diverse campagne sul tema. È sempre con questa finalità che durante il Congresso i medici di AIMO hanno effettuato esami OCT ai partecipanti”.

 

Written By
More from Severina Cantaroni

Caffè, non solo un piacere…

È da sempre tra le bevande più consumate al mondo. E, senza...
Leggi Tutto

Lascia un commento