CAMPAGNA VACCINALE ANTI COVID19: le raccomandazioni della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica

La campagna vaccinale anti Covid 19 è in pieno svolgimento. Pur con notevoli differenze tra le Regioni. Per ottimizzare il risultato, ossia quello di arrivare a vaccinare entro breve tempo il maggior numero di cittadini, la Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) fornisce alcune raccomandazioni, dal chiudere il più velocemente possibile le coorti 60-79 anni alle vaccinazioni a domicilio per tutti coloro che hanno difficoltà di trasporto, continuando nel frattempo le vaccinazioni degli “iperfragili”. 

Un contributo, quindi, che ha l’obiettivo di   migliorare l’efficacia, l’efficienza e l’equità della campagna vaccinale anti Covid_19. Per accelerare le procedure di vaccinazione, gli esperti di SItI hanno predisposto tre raccomandazioni, che sono in linea con l’ultima ordinanza del Generale Francesco Paolo Figliuolo – commissario straordinario per l’emergenza Covid_19 – e le indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico. 

  1. Ogni dose disponibile di vaccino deve essere primariamente impegnata nella coorte 60-79 anni e deve esserci l’impegno della Aziende Sanitarie in un sollecito attivo per i soggetti sopra gli 80 anni che non hanno ancora aderito alla campagna vaccinale. Nel frattempo è necessario continuare e accelerare la vaccinazione delle coorti dei soggetti iper-fragili;
  1. Al fine di chiudere la coorte 60-79 anni il più rapidamente possibile la seconda dose di Pfizer e Moderna dev’essere immediatamente posticipata a 42 giorni (come indicato dalla recentissima nota dell’Agenzia Italiana del Farmaco). Ciò consente di coprire migliaia di anziani con 20 giorni di anticipo con riduzione dei ricoveri e anche una riduzione (minore) di mortalità;
  1. Bisogna procedere con le vaccinazioni a domicilio dei soggetti che per ragioni sanitarie non possono essere trasportati nei siti vaccinali. Ancora troppe persone vulnerabili, in particolare anziane con patologie invalidanti o in fase terminale, affette da gravi disabilità o in condizioni di non autosufficienza, sono in attesa di vaccinazione. Le Cure Primarie in collaborazione con i Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Sanitarie possono e devono organizzarsi ovunque con protocolli efficaci per raggiungere il più rapidamente possibile a domicilio tutti coloro che devono essere vaccinati.
Written By
More from Stefania Lupi

Le news della bellezza

La  Rinascente di Milano in Piazza Duomo ospita in anteprima l’attesissima nuova...
Leggi Tutto

Lascia un commento