Appuntamento da….. Le contaminazioni food e design per il Fuori salone 2023

Arte, moda, cucina da sempre ruotano attorno al magico spazio Nonostantemarras, in via Cola di Rienzo 8, a Milano. Un luogo di fascino raro in cui coesistono libri, abiti, design, cibo e che in occasione della nuova edizione del Salone del Mobile di Milano, in programma dal 18 al 23 aprile, aprirà le sue porte in versione Temporary Bistrot & Restaurant insieme al ristorante Famiglia Rana, guidato dallo chef Giuseppe d’Aquino, che ha recentemente ottenuto la sua prima stella Michelin. Per l’occasione, lo chef e la sua brigata in trasferta da Verona racconteranno la cucina di Famiglia Rana con un’inedita proposta gastronomica, curata nella selezione di materie prime di eccellenza che danno vita a piatti innovativi e sorprendenti.

Lo spazio sarà allestito come una vera e propria foresta incantata, per la cui ideazione Antonio Marras si è ispirato all’amata poetessa premio Nobel sarda Grazia Deledda e alla sua opera “Ho vissuto”, che riporta con la mente alle immagini di boschi e montagne della sua amata isola, la stessa in cui è nato lo stilista.

Tra le ricchezze custodite all’interno dello show-room, sarà infatti possibile visionare “Cantando dietro i paraventi”, l’opera di una serie di paraventi realizzati con pannelli di telina ecrù sui quali Antonio Marras è intervenuto con collage, disegni, intarsi, cuciture e segni; ma anche “Bianco e nero’’, la serie di ceramiche uniche che Antonio Marras ha creato appositamente per il Fuori Salone 2023. Bianco e nero, i colori per eccellenza, per sottrazione uno e per aggiunta l’altro, sono i cardini sui quali Antonio costruisce la sua poetica di più e meno, di ritmo, di onde, di bioritmi sfalsati, di vuoti e di pieni, di forme classiche e forme inusuali.

L’ingresso di NonostanteMarras sarà percorso da un’installazione in linoleum dal nome “Domus de janas” alta 5 metri, che Antonio Marras ha realizzato ad hoc in collaborazione con Marco Lobina di Rezina, azienda torinese specializzata nelle pavimentazioni in resina. All’interno invece sarà in vendita la collezione SS23 e l’esclusiva Upcycled Capsule Collection dedicata al Salone del Mobile. La Capsule includerà t-shirt, giubbotti di jeans, parka, jeans, dolcevita, tutte uguali, tutte diverse e uniche. Moltiplicate e rese irripetibili. Nuovi ricami, intarsi, cuciture che impreziosiscono per un effetto irreplicabile.

Lo spazio sarà anche arricchito da una rara collezione di preziose stoffe chiamata “Wild & Mild”, che hanno una storia molto particolare: sono state donate direttamente ad Antonio Marras per il suo archivio dalla titolare di una famosa ed antica rivendita di tappezzerie, a seguito della chiusura della stessa. Tra queste era presente un paesaggio che ha riportato da subito la mente del creativo ai paesaggi della sua Sardegna e ai passi di un’opera di Grazia Deledda in cui si racconta del piccolo comune di Nuoro.

Il Temporary Bistrot & Restaurant resterà aperto al pubblico dal 18 al 23 aprile con un programma che prevederà il servizio di colazione dalle ore 10.00 con caffetteria e dolci delizie, pranzo dalle 12.30 al Bistrot (su prenotazione) che spazierà tra menù degustazione o singoli piatti à la carte; nel pomeriggio sarà attivo il servizio bar che culminerà con l’amato momento dell’aperitivo. A seguire, dalle 20 sarà possibile cenare, previa prenotazione, degustando il menù creato dallo chef D’Aquino.

 

 

Una grande inaugurazione aperta a tutti in occasione del Fuori Salone per il Gelato di Design “Iconico” è il nuovo punto vendita in Corso Buenos Aires.  Il 20 aprile, dalle 16 alle 20, tutti potranno assaporare un gusto esclusivo di gelato in edizione limitata creato ad hoc per l’occasione dai fondatori dello stesso Iconico. Tra le peculiarità di Iconico, oltre la qualità della materia prima e l’attenzione verso l’aspetto dell’artigianalità e il concetto di healthy, anche l’importanza conferita al design e all’immagine del brand stesso che si distingue per la scelta di utilizzare in maniera non convenzionale immagini e colori.

La freshness del brand si lega difatti alla scelta di utilizzare personaggi di tutti i tipi e di tutti tempi, famosi e non, e di legarli al mondo del gelato, sia in maniera più tradizionale (fotografie di icone/personaggi mentre mangiano il gelato) sia in maniera più fantasiosa rappresentando, attraverso esse, feste locali, eventi, celebrazioni.

Iconico nasce da un’idea comune di 4 amici di lunga data, Michele Pedroni, Edoardo Proverbio, Alessandro Pagliacci e Luca Perotta con il desiderio di creare un progetto in comune e unire le forze. Dopo aver avviato il loro primo locale insieme, il Madison lounge bar in Viale Sabotino 12, e dopo l’incontro con Giammaria Colella che si è unito al team, Michele, Edoardo, Alessandro e Luca hanno deciso di esplorare un settore certamente tradizionale in Italia, ma con la volontà di conferirgli un tocco nuovo ed originale.

Di qui l’idea di creare Iconico, un brand legato al mondo del gelato che gli stessi creatori definiscono come “fresh & young, artisanal & healthy” ed anche un pò “unconventional”.

L’aspetto dell’artigianalità e il concetto di healthy si legano in Iconico  alla selezione della materia prima di qualità, alla lavorazione del prodotto ed anche alla scelta di realizzare alcuni dei gusti di gelato  Sugar, Gluten e Lattosio free, per venire incontro alle esigenze di tutti.

Per trasmettere meglio questo concetto sono state infatti create delle sottocategorie all’interno dei gusti: ICONICO classic- con gusti più tradizionali- ICONICO healthy- cui appartengono i gusti privi di glutine, lattosio e zucchero- e ICONICO unconventional che si rifà a quella gamma di prodotti più originali che meglio rappresentano la creatività dei loro ideatori tra cui spiccano, per esempio, gusti come il caramello salato con arachidi, la colomba (creata appositamente per il periodo pasquale), il cannolo con scaglie di cioccolato fondente.

 

Se “Laboratorio” è la parola chiave del Fuorisalone di quest’anno, Lavoratti1938 non poteva che essere presente in questa occasione.

Nella settimana del Design il brand presenta l’ultima “creazione”. Per non rinunciare al cioccolato nemmeno d’estate, le praline e tavolette si trasformano avvolgendo un cuore di gelato artigianale. Nasce così il choco – gelato Lavoratti.
La forma perfetta custodisce il sapore perfetto, in ogni stagione.  Sono sempre i soliti produttori a fornire le materie prime di eccellenza, dal Limone delle Cinque Terre fino al Mandarino Tardivo di Ciaculli: arrivate in azienda il maitre chocolatier Marco Ferrari le trasforma in ripieni cremosi di gelato.

Sempre da Raw, il 18 aprile alle ore 18, il Professor Flavio Caroli in un incontro con Fabio Fazio intratterrà i presenti sul tema “la Section d’or” nell’ambito di una iniziativa intitolata “La geometria del gusto”. La sezione aurea, infatti, è la proporzione con cui Lavoratti 1938 ha concepito le proprie tavolette e le proprie praline in omaggio al “cibo degli Dèi”.

Funny Veg, società di comunicazione esperta nel 100% vegetale, proprietaria della scuola di cucina FunnyVeg Academy, partecipa al Fuorisalone, offrendo un aperitivo sfizioso agli ospiti grazie ai partner The Bridge, azienda made in Italy che produce bevande, creme, dessert e fermentati plant based, e planted, foodtech svizzera specializzata in meat analogue a base di proteine di piselli.
Lo farà negli eleganti spazi di Casa Lago, in via S. Tomaso 6, caratterizzati da design, innovazione e qualità, al termine di un incontro appartenente ai LAGO Sustainability Circle e incentrato sull’emergenza climatica.
Appuntamento il mercoledì 19 aprile 2023 alle 18.30 con il dialogo tra Ruggero Rollini, divulgatore scientifico autore di Superquark+, e Omar Di Felice, campione di ultracycling, che, moderati da Laura Traldi, mettono a confronto la visione teorica e quella esperienziale, per arrivare a comprendere quanto sia urgente – per il bene dell’umanità tutta – un cambio di stili di vita, cambio che passa anche dalle abitudini alimentari.
In questo quadro si inserisce l’offerta di cibo 100% vegetale, amica dell’ambiente grazie alla minor quantità di emissioni, all’inferiore fabbisogno idrico e al consumo di suolo limitato rispetto alle produzioni zootecniche.
Il basso impatto, poi, corrisponde ad assaggi dai gusti, colori e profumi coinvolgenti ed evocativi, grazie all’esperienza dei docenti di FunnyVeg Academy. Oltre all’aperitivo anche una live cooking per mostrare con quanta semplicità è possibile fare un passo in più verso la cucina sostenibile.
L’ingresso è gratuito previa prenotazione e fino ad esaurimento posti all’indirizzo https://sustainabilitytalk.eventbrite.it
Written By
More from Stefania Lupi

La “Prevenzione Cardiovascolare sCorre in Italia”

  L’obiettivo è, ancora una volta, prevenire le malattie cardiovascolari. E non potrebbe essere...
Leggi Tutto

Lascia un commento