Al via #dilloatuasorella, la nuova campagna educazionale con La Pina

La contraccezione? Questa….”misconosciuta”….. C’è ancora molto da fare, infatti nell’ambito della salute sessuale in Italia  perché non c’è sufficiente consapevolezza sull’importanza della contraccezione, punto cardine per la salute e la qualità di vita di ogni donna. . Questo è quanto emerge da una ricerca sui sui nuovi comportamenti sessuali degli italiani di 18-40 anni  presentata nell’ambito del Festival dell’Amore alla Triennale di Milano.

Con l’occasione, è stata lanciata la nuova campagna informativa #dilloatuasorella il contributo di una testimonial d’eccezione – La Pina di Radio Deejay – proprio con l’obiettivo di fare corretta informazione

Il «Rapporto Censis-Bayer», incentrato sugli italiani tra 18 e i 40 anni, descrive in maniera dettagliata i comportamenti sessuali, come non si faceva da tempo. Ed ecco cosa emerge:

  • 12,2 milioni di abitanti dello stivale hanno una vita sessuale attiva e sono 1,6 milioni quelli che non hanno mai avuto rapporti sessuali. 
  • Il 54,1% delle persone è abbastanza soddisfatto della vita sessuale rispetto alla propria vita in generale; il 41,6% ha una vita sessuale intensa, anche se il 53,4% dei maschi vorrebbe farne di più.
  • Un capitolo particolare anche su alcune regioni, tra cui la Lombardia dove è presente la percentuale più bassa di italiani con vita sessuale attiva (69,5%) e la più alta di quelli che non hanno attualmente vita sessuale (4,7%). 
  • I dati regionali non si discostano in maniera significativa dal quadro delineato a livello nazionale, è interessante vedere la parola che maggiormente è associata al sesso a livello locale: “complicità” in Lombardia, “amore” in Veneto, “piacere” in Emilia Romagna e “passione” nel Lazio.

Il 63,3% degli intervistati ha dichiarato di aver avuto rapporti sessuali completi non protetti, fornendo le seguenti motivazioni: perché non aveva a disposizione un contraccettivo (22,5%), ha deciso di correre il rischio (18,1%), non pensava ci fossero probabilità di una gravidanza (17,9%), la persona con cui era ha detto che andava bene così (15% donne che sale al 22% negli uomini).

foto 1“Si tratta di dati comunque preoccupanti se consideriamo che chi risponde è adulto e dovrebbe quindi essere responsabile – spiega la Dottoressa Roberta Rossi, sessuologa e Presidente Federazione italiana di sessuologia scientifica. Per questo continua ad essere importante che donne e uomini si prendano cura della propria salute sessuale. Iniziative come quelle di Bayer che promuovono il benessere delle donne – attraverso la conoscenza e la consapevolezza – sono una necessità sempre più evidente in una società in cui c’è ancora troppa disinformazione”.

Per quanto riguarda la conoscenza dei metodi contraccettivi: il profilattico è il più conosciuto (dal 92,8%), seguito dalla pillola (dall’86,5%, dato che sale al 90,7% tra le donne). In materia di contraccezione il principale influencer per il 69,5% delle persone è il partner. Per le donne il riferimento del medico specialista è quasi importante quanto l’influenza del partner (53,9%). Per la Dottoressa Manuela Farris, specialista in Ginecologia e Ostetricia e membro della Società Italiana di Contraccezione (SIC): “Il ginecologo è una delle figure di riferimento per le donne. Dovrebbe saper fare anche da psicologo in modo da conquistare la loro fiducia e consigliare il metodo contraccettivo più adatto alle loro necessità”.

 

Una serie di video-pillole sarà postata sul canale Instagram My Contraception Italia in cui La Pina dà voce a un puppet con le sue sembianze, raccontando al pubblico i dati più importanti emersi dal Rapporto Censis-Bayer e  invitandolo ad approfondire ogni dubbio sul sito Sceglitu della Società Italiana Ginecologia e Ostetricia (SIGO).

 

Written By
More from Stefania Lupi

TORNA A TORINO LA MAGIA DELLA PARTITA DEL CUORE

  Il 27 maggio prossimo all’ Allianz Stadium di Torino si rivivrà...
Leggi Tutto

Lascia un commento