Appuntamento da….

Colazione, pranzo,  spuntino, happy hour, cena, drink…… a ciascuno il suo. L’importante è scegliere l’indirizzo giusto.

 

Un’icona del lago di Como che da sempre richiama celebrità, personaggi dello spettacolo e imprenditori. È il ristorante Sant’Anna, aperto a Como nel 1907 che fra i suoi celebri ospiti ha accolto Walter Chiari, Claudio Baglioni, la principessa Carolina di Monaco e Stefano Casiraghi, Gianfranco Ferrè e la famiglia Missoni accanto alla clientela locale.

La dimensione  autentica del Sant’Anna ha attirato anche Giuliano Lotto che, intuendone le potenzialità, nel 2021 ha acquistato il ristorante con l’idea di continuare a farlo risplendere. In cucina lo chef Francesco Priore, arrivato nel 2001 come commis, intreccia tradizione e creatività utilizzando ingredienti di altissima qualità, selezionati in una logica di stagionalità e, dove è possibile, a km zero. Fra le entrée non manca la sapidità del mare interpretata con i Cucchiai di scampi e gamberi di Mazara crudi al tartufo nero, le Sarde a beccafico con verde di zucchine alla mentuccia fresca, il Carpaccio di ostrica francese con gel di Plancton Marino ed emulsione allo Champagne. Dalla terra, invece, arrivano i sapori del Tonno di coniglio con piccole carote, peperoni e polvere di olive e l’uovo poché con nido di asparagi su fonduta di Parmigiano Reggiano.

Fra i primi, il Risotto al Pesce Persico, burro e salvia, gli Gnocchi di patate con datterini infornati, calamari spillo e bottarga di muggine, le Tagliatelle al ragù di ossobuco tagliato a coltello e pistilli di zafferano, i Tagliolini di pasta fresca all’uovo con agretti e tartufo nero di Norcia.

Tra i secondi il Branzino al sale, la Guancetta di maialino iberico Bellota in doppia cottura con asparagi e crema di gorgonzola, il Carré d’agnello in osmosi al caffè con flan al carciofo primaverile. Anche la carta dei dolci è un tripudio di sapori interpretato dalla Crostatina alla crema di limone con meringa all’italiana, dal Tiramisù al caramello salato e amaretto, dalla Cheesecake scomposta alle fragole con terra al cioccolato.

Nell’ottica di offrire ai propri clienti un’esperienza sempre più coinvolgente, la cucina di Francesco Priore arriva anche a casa con un servizio di consegna a domicilio: gli ingredienti vengono confezionati sottovuoto per consentire di riproporre nella propria dimensione domestica la qualità e lo spirito dei piatti del ristorante.

http://www.ristorantesantanna1907.com/ristorante-lago-di-como-migliore-pesce-mare-lago-carne-terra-cucina-osteria-trattoria-menu/

 

 

********

Il prestigioso Grand Hotel Courmayeur Mont Blanc espande le sue offerte enogastronomiche presso il ristorante La Fourchette e il Lounge Bar Equinox proponendo esperienze culinarie studiate per soddisfare ogni palato e accompagnare i suoi ospiti in un viaggio per coccolarli e deliziarli in ogni momento della giornata. 

Il ristorante La Fourchette, con la sua cucina raffinata e una spettacolare vista sul paesaggio innevato, arricchisce la propria offerta con due principali novità che vanno ad integrarsi alle tipicità proposte del Territorio abbinate a una selezione di etichette di vino pregiato. Tra queste: 

Raw fish Nights: ogni venerdì sera all’interno del suggestivo scenario del ristorante in alta quota, in aggiunta al ricco menù alla carta, gli ospiti avranno l’opportunità di immergersi in un’esperienza gastronomica unica, esplorando una vasta selezione di crudités di pesce, pensata per soddisfare i gusti più ricercati e raffinati. 

Il Lounge Bar “Equinox”, che con le sue spettacolari vetrate regala una vista sulla maestosa catena del Monte Bianco e sul suggestivo ghiacciaio della Brenva, tutti i giorni dalle 18 propone:

Crudités & Cocktail Tasting: un’elegante degustazione di crudités accompagnata da speciali cocktail. Tre tipologie diverse di crudi di pesce, al naturale o marinati, ciascuno abbinato a un cocktail appositamente studiato dal Barman, per armonizzarsi perfettamente con la sua controparte ed esaltare il sapore di ogni portata, offrendo un’esperienza sensoriale piacevole e completa. 

Oyster Bar: le raffinate ostriche Gillardeau e Fine de Claire, selezionate con cura per la loro freschezza e delicatezza, si uniscono in un connubio gastronomico senza pari con l’esclusivo EQ Champagne cocktail, studiato dal barman per esaltarne tutte le sue sfumature di aromi e profumi.

Per gli amanti del dolce, la scelta passa da uno zabaione montato al sifone con croccanti tegole della Valle a un’elegante coppa di fragole e panna montata, conosciuta come Le Mont Rouge, oltre a una selezione di cioccolate calde a piacere accompagnate dal dolce del giorno. 

Chi predilige il salato avrà a disposizione una live cooking di carni ed altre delizie accompagnate da una selezione di focacce calde, presso la terrazza del bar, godendo di una vista sul panorama mozzafiato del Monte Bianco.

https://www.rcollectionhotels.it/grand-hotel-courmayeur/courmayeur-dove-mangiare?

*********

C’è tanta primavera, nel nuovo menu firmato dal ristorante DAMA, il progetto dei cugini Dario e Massimo Bergaglio per il Relais Castello di San Gaudenzio che ha affidato all’executive chef Federico Sgorbini le redini della cucina.

Dopo il debutto di inizio anno, il ristorante prosegue il suo percorso con l’arrivo in cucina come resident chef del giovane Alessio Spinelli, pavese doc che segue una filosofia di cucina gourmet in equilibrio tra semplicità e creatività, che attraverso un percorso di valorizzazione delle produzioni locali – la carne e i salumi di razza Varzese, la cipolla di Breme, gli asparagi di Cilavegna, il tartufo nero di Menconico, i peperoni e la mostarda di Voghera – dà forma a  due menù descritti da un voluto gioco di parole: “Oltrepò”, in omaggio al territorio, e “Un po’ Oltre”, con una proposta caratterizzata da incursioni internazionali che è piena espressione dell’estro dello chef. 

Così, accanto a piatti consolidati come la Cipolla dorata di Voghera e Grana Padano 24 mesi, le Animelle Panna e Lampone o il Filetto di rapa rossa alla Wellington, ad arricchire la nuova carta sono proposte giocate sulla stagionalità, quali Gamberi, fave e cannellini; Gnocchi di bufala, asparagi e capesante; Fusillone, seppia e piselli o Agnello e ricci di mare per il menu “Un po’ Oltre”, accanto a Lingua con salsa verde e mostarda di Voghera; Benfatti di ricotta e spinaci con ragù di coniglio; Risotto al caprino e salsa di peperoni; Faraona ripiena con carciofi e albicocche o Merluzzo e asparagi con patate al limone per il percorso “Oltrepo’”. 

Ad affiancare la proposta della cucina, la cantina curata dal sommelier Davide Canina propone 250 etichette selezionate aderendo a un concept strettamente legato alle radici del vino con i suoi terroir di origine.

Tra le pagine della carta vini, i cru più importanti e ai Comuni del vino di veronelliana memoria, con giochi di comparazioni che, partendo proprio dall’Oltrepò e dai suoi vini più identitari – dal buttafuoco alla bonarda, dal riesling al pinot nero – arrivano agli omologhi italiani ed europei provenienti dalle principali zone vitivinicole della Francia (con focus su Alsazia, Champagne, Borgogna, Bordeaux, Loira e Beaujolais), della Germania e dall’Austria. Accanto alle etichette locali,  referenze che hanno nel Piemonte e nella Toscana le regioni di riferimento, oltre ad Alto Adige, Friuli, Abruzzo, Campania fino a toccare le pendici dell’Etna. 

https://www.hcsg.it/ristorante/

 

*******

Nel cuore di corso Lodi,  in via San Gerolamo Emiliani, dove lo Chef Roberto Okabe nei primi anni Duemila ha rivoluzionato la scena della ristorazione milanese con la sua inedita proposta di cucina giapponese creativa, nasce View Live Restaurant, un nuovo concept che coniuga cucina fine dining e atmosfera in un ambiente unico e sofisticato.

A caratterizzare la proposta gastronomica di View Live Restaurant, il melting pot generato dall’incontro e dal dialogo tra la creatività di Roberto Okabe (e della sua squadra) e lo stile di Simone Conca – a cui è affidata anche la Direzione del locale – in un’intrigante fusione di sapori tra oriente e occidente, tra sperimentazione e tradizione.

Cuore pulsante di View Live Restaurant è l’importante e inedito Chef’s Table da dodici postazioni “affacciato” sulla cucina a vista dove gli chef interagiranno con i commensali nella preparazione live dei piatti e delle pietanze, in un coinvolgente dinner show.

Suggestivi giochi di luce e la selezione accurata degli arredi e dei materiali utilizzati per l’interior project caratterizzano l’atmosfera chic e raffinata di View Live Restaurant che prevede più spazi per accogliere i propri ospiti: oltre alla sala principale e allo Chef’s Table, infatti, saranno presto disponibili anche un intimo e raccolto privè e un verdeggiante dehors nella bella stagione.

Per un drink pre o after dinner, il View Cocktail Bar con i suoi bartender propone un’ampia selezione di vini e cocktail, da sorseggiare con il sottofondo dei dj set e di esibizioni musicali dal vivo (in alcune serate) che accompagneranno i clienti sino a tarda notte. Aperto dal mercoledì a domenica solo la sera.

www.viewrestaurant.it  

Written By
More from Stefania Lupi

Le news della bellezza – Tintarella look

In estate è l’abbronzatura il nostro look. Non serve altro. O quasi....
Leggi Tutto

Lascia un commento