Amico Pet: al via il primo percorso didattico veterinario per migliorare la gestione della salute

Il primo incontro tra medico veterinario e paziente a quattro zampe sta diventando sempre più importante per assicurare una corretta gestione delle diagnosi e del benessere in generale dei nostri animali da compagnia, sempre più numerosi nelle nostre case.

Così come in ambito salute umana, allo stesso modo nel settore medico veterinario si inizia a percepire l’importanza di avere una medicina di base ad alta competenza, che possa supportare i proprietari nell’impostazione della corretta prevenzione, nel monitoraggio della crescita del cucciolo o della gestione delle cronicità, o ancora nel supporto in tutte le attività che consentano ai nostri pet di vivere in salute nelle diverse “tappe” della loro vita.

Questo ruolo cruciale nella gestione della salute dei nostri animali da compagnia spetta al Medico Veterinario di Primary Care, che rappresenta l’anello di congiunzione tra proprietari e la medicina specialistica, nonché il primo punto di contatto all’interno del sistema salute animale.

Una figura sempre più richiesta, per cui nasce oggi in Italia il primo itinerario didattico di ScivacSocietà Culturale Italiana Veterinari per Animali da Compagnia – in collaborazione con Boehringer Ingelheim Animal Health Italia. Il Veterinario che si occupa di Primary Care è il riferimento principale, spesso unico, dei proprietari, perché si dedica alla cura dei pet per tutta la loro vita, indirizzandoli dopo una prima diagnosi allo specialista, qualora necessario.

Il percorso, destinato ai veterinari, si propone di supportarli nel loro obiettivo: arrivare al miglior risultato possibile per il benessere e la salute dei pazienti a quattro zampe da un lato, e dall’altro mira a formare un profilo professionale sempre più richiesto nel mercato veterinario attuale, come spiega Dott. Walter Bertazzolo, Responsabile Scientifico dell’itinerario didattico di Scivac: “stiamo parlando di competenza e qualità, una figura professionale formata in modo corretto nel Primary Care amplifica e migliora tutto il lavoro della struttura veterinaria. Senza queste figure, il rischio è di perdere molte opportunità.”

Written By
More from A cura della redazione

Psoriasi: curarla si deve, si può. Per la forma a placche arriva un nuovo anticorpo monoclonale

15 milioni nel mondo, 2 milioni in Italia. Sono  le stime dell’ International...
Leggi Tutto

Lascia un commento