“Mi Racconto. Il potere terapeutico delle parole…”: storie di pazienti con tumore al seno

Interpretano la lotta, la speranza, il riscatto e la nuova vita. Sono racconti biografici accompagnati da altrettanti scatti d’autore. Ma non sono solo una raccolta di scatti d’autore, né solo un audiolibro.  “Mi Racconto. Il potere terapeutico delle parole…” è un progetto di medicina narrativa concepito come un’esperienza sensoriale, immersiva ed emozionante: quattordici racconti, quattordici storie di donne che hanno intrapreso un percorso di cura per il tumore al seno e che hanno scelto le parole per affrontare questa sfida e trasformarla in un’opportunità. Per ogni storia uno scatto fotografico che parla al cuore con la forza evocativa delle immagini. Per ogni immagine una piccola magia: inquadrando il QR code con lo smartphone, le parole che hanno ispirato l’interpretazione fotografica prendono vita attraverso una traccia audio da ascoltare.

Fortemente voluto da Eleonora Sansavini, amministratore delegato di Ospedale Santa Maria di Bari, struttura del gruppo ospedaliero italiano GVM Care & Research, e dalla dottoressa Antonietta Ancona, responsabile della Senologia presso la struttura barese, il progetto di medicina narrativa della Breast Unit di Ospedale Santa Maria, affronta i temi del dolore e della speranza, quello vissuto in prima persona da chi un giorno, all’improvviso, riceve una diagnosi che cambia la vita. Quello stesso dolore che non si può scegliere di allontanare ma che si può affrontare, facendolo diventare parte della propria esperienza di crescita, e che si può donare agli altri, affinché diventi opportunità di riflessione sul senso profondo della vita e strumento prezioso per chi si trova nella stessa situazione.

“Anche se la medicina continua a fare passi da gigante, aumentando la qualità della prevenzione e l’efficacia delle cure, la malattia è una condizione che non possiamo eliminare completamente e che segna la storia di ognuno di noi”, afferma Eleonora Sansavini. “Attraverso un approccio terapeutico che fa leva sulla scrittura autobiografica, le pazienti attraversano il dolore, lo elaborano e lo trasformano in testimonianza. Raccontando il loro ‘Io”’ più intimo fin dal momento in cui scoprono la malattia, queste donne trasmettono emozioni, condividono pensieri e paure. Tutto ciò ci offre la possibilità di cogliere un punto di vista che non è definibile soltanto attraverso la prospettiva medica tradizionale. Comprendere il dolore significa entrare in relazione con chi lo sta affrontando, riconoscendone l’importanza del vissuto: solo così è possibile valorizzare il percorso di cura di ogni persona”.

Le immagini contenute nel libro – 90 pagine di fotografie in bianco e nero e racconti, anche ascoltabili tramite QR code – sono frutto dell’interpretazione fotografica dei racconti del fotografo veronese Maurizio Marcato, e catturano in un fermo immagine tutta la forza delle emozioni di chi ha già superato e di chi sta affrontando questa battaglia, narrano un percorso di cura che è prima di tutto un viaggio dell’anima e nell’anima di chi sta combattendo con il tumore al seno. Fotografie potenti per parlare di cambiamento, l’accettazione che non è rassegnazione, la scoperta di una nuova consapevolezza di sé. E il potere della condivisione, per esorcizzare la paura e trasformare l’esperienza in un messaggio di speranza e di prevenzione.

“Raccontarsi, attraverso immagini e parole, può essere considerato al pari di una terapia: imparare a riconoscere ed esprimere le emozioni ci aiuta a governarle, è un po’ come svelarsi a sé stessi e agli altri”, spiega la dottoressa Antonietta Ancona. “Nelle immagini e nei racconti di queste donne ci sono paura, sofferenza, ma molto spesso è ancor più forte il riscatto e la voglia di rinascita, la determinazione a reinventarsi in una nuova dimensione più consapevole. In ognuno di questi percorsi narrativi c’è una donna diversa, con una propria identità, una storia e un vissuto unici. Spero che questo progetto possa aiutare le persone che si troveranno a dover intraprendere questo percorso a non sentirsi sole e a far emergere la forza che è in ognuna di loro”.

Le Breast Unit degli ospedali pugliesi di GVM Care & Research, Ospedale Santa Maria a Bari e Città di Lecce Hospital a Lecce – Qui l’attenzione per la prevenzione, la diagnosi e il trattamento del tumore al seno si concretizzano in un percorso di cura guidato da un’équipe multidisciplinare che accompagna la paziente durante tutte le fasi; tra queste figure vi sono la dottoressa Anna Maria Moretti, specialista in pneumologia e presidente Internazionale GISeG (Gruppo Italiano Salute e Genere), e la dottoressa Chiara Maddalena, psicologa. “Le doti relazionali, accanto alle capacità tecniche, devono entrare a far parte del quotidiano di noi professionisti della sanità, con una formazione adeguata che ne riconosca la rilevanza”, sottolinea ancora Eleonora Sansavini. “Nel percorso di cura, l’impegno di tutto il personale della Breast Unit è quello di accogliere le pazienti affette da tumore al seno sia sul piano clinico che, soprattutto, sul piano psicologico e relazionale. Empatia e ricerca di sintonia sono competenze professionali imprescindibili, per mettere ogni donna realmente al centro come persona unica, così che non si senta sola”.

Il libro – È disponibile in versione digitale al link: https://www.gvmnet.it/mi-racconto/seno Progetto editoriale a cura di Franco Balestrieri, Direttore Area Comunicazione e Marketing di GVM Care & Research.

GVM Care & Research, gruppo fondato e presieduto da Ettore Sansavini, è attivo nei settori della sanità, della ricerca, dell’industria biomedicale e delle cure termali, con obiettivi di assistenza specialistica, prevenzione medica e promozione del benessere e della qualità della vita. Cuore di GVM Care & Research è la rete integrata di 28 Ospedali, molti dei quali di Alta Specialità, 4 Poliambulatori e 4 Residenze Assistenziali presenti in 10 regioni italiane: Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Puglia, Campania e Sicilia. GVM è presente anche all’Estero con 14 strutture ospedaliere in Francia, Polonia, Albania e Ucraina. La sede di GVM Care & Research è a Lugo (Ravenna). L’esperienza e le competenze sviluppate negli anni hanno posizionato GVM Care & Research come polo d’eccellenza nel panorama sanitario italiano soprattutto per Cardiologia, Cardiochirurgia, Elettrofisiologia, Ortopedia, Neurochirurgia, Aritmologia e Trattamento del Piede Diabetico. Per maggiori informazioni: http://www.gvmnet.it

 

 

Written By
More from Severina Cantaroni

Diabete ‘al femminile’: donne curate come gli uomini ma con risultati meno soddisfacenti

In Italia non ci sono differenze di genere nell’accesso alle cure e...
Leggi Tutto

Lascia un commento