Le novità da portare in tavola e…..non solo!

Milano Golosa 2022 ha spento le sue dieci candeline. Un importante traguardo con l’eccellenza della produzione italiana, dove poter assaggiare specialità di nicchia provenienti da tutto lo stivale, ascoltare gli appassionati racconti di artigiani del gusto e vivere importanti esperienze di formazione gastronomica. Ecco una selezione di prodotti visti e… gustati!

dall’8 al 10 ottobre alla fabbrica Orobia, via Orobia 15, Milano

Tutti i prodotti sono venduti anche online

 

Una bottega artigiana friulana d’avanguardia dove si incontrano valori quali tradizione e artigianato, ricerca e tecnologia, esperienza ed etica, per trasformare ingredienti di filiera in prodotti da forno dal gusto intenso, genuino e sostenibile. È il 1968 quando, a Prata di Pordenone, Lino Follador e la moglie Angela inaugurano un piccolo forno di provincia.  Che da allora ne ha fatta di strada. Il figlio Antonio ne ha seguito le orme al punto che Gambero Rosso premia Forno Follador con i Due Pani della Guida Pane & Panettieri d’Italia 2022. Oggi Antonio è membro dell’Accademia dei Maestri del Lievito Madre e del Panettone Italiano. Tra i dolci tipici del Friuli Venezia Giulia c’è la Gubana, realizzata per i giorni di festa. Il suo impasto dolce, con la caratteristica forma a chiocciola, custodisce un vortice di frutta secca e spezie ed è ammorbidito da una bagna inebriante che racchiude tutti i profumi della terra friulana. https://www.panificiofollador.it

 

 

Si fa presto a dire….krumiri. Uno dei biscotti più imitati al mondo è nato a Casale Monferrato, in Piemonte. A crearli, nel 1878, Rossi Domenico Pietro dell’Unica Fabbrica Krumiri Rossi, depositaria del Marchio Storico di Interesse nazionale. Un biscotto nato per caso: una notte, dopo una serata al caffè con gli amici, Domenico Rossi invitò tutti nel suo laboratorio di pasticceria e lì, in una misteriosa alchimia fra ingredienti sfornò i primi Krumiri. All’alba del terzo millennio, i Krumiri sono ormai un’istituzione. Il segreto? La semplicità. Farina di grano tenero, uova fresche, burro, zucchero, vanillina pura e, soprattutto, niente acqua. Sono soltanto le uova e il burro, infatti, ad ammorbidire l’impasto e a donare ai Krumiri
quel profumo speciale e irresistibile. È così dal 1878. La ricetta sempre uguale nel tempo. Ottimi da soli, con il tè, il vino dolce i liquori, la crema catalana, con lo zabaione. http://www.krumirirossi.it

 

 

Miele genuino di altissima qualità. Un prodotto risultato della unione perfetta tra tradizione ultracentenaria e sofisticate tecniche produttive. Apicoltura Comaro produce Miele a Cassacco, nel cuore del Friuli Venezia Giulia. Comaro pratica il nomadismo, cioè un’apicoltura “mobile”, che prevede lo spostamento degli alveari con l’alternarsi delle fioriture. Questo permette di produrre diverse tipologie di miele monoflora, oltre che far assaporare alle nostre api tutto quello che il territorio regala. Un vasto assortimento di prodotti a base di miele quali liquori, dolci tradizionali.

Importante è anche l’approccio alla sostenibilità. L’azienda Comaro da sempre opera nel principio della sostenibilità ambientale. Dalla sua creazione la nostra sede è dotata di impianto fotovoltaico ed è circondata da una zona verde adibita alla coltivazione di piante di interesse apistico, selezionate in collaborazione con il Corpo Forestale.Il Miele d’Acacia è caratterizzato da un colore molto chiaro che va dal giallo paglierino al trasparente. La fluidità e la trasparenza sono sinonimo di un elevato contenuto di pollini e richiamano la purezza della varietà monofloreale. Grazie all’elevato contenuto naturale di fruttosio la cristallizzazione è rara. Il suo profumo delicato e floreale, tipico dei fiori d’acacia, accompagna un gusto confettato e una morbida dolcezza che gli dona grande versatilità.

Il Miele Millefiori è un vero classico fra i mieli, solitamente anche il più conosciuto. Il miele millefiori è specchio delle zone di raccolta, racchiude tutte le note e i profumi del territorio in cui viene prodotto che ne caratterizza anche il gusto e le colorazioni. https://comaro.it 

 

 

Famiglia, territorio, tradizione. Tre principi fondamentali alla base del Prosciutto Crudo di Parma Piazza di Langhirano (Parma). Peppino Piazza , infatti, nel 1974 non da vita solo ad un’azienda, ma da forma ad una passione e ad un metodo di lavoro basato su valori da seguire scrupolosamente, per poter raggiungere quella qualità estrema che contraddistingue da sempre i suoi prosciutti.

La produzione di un prosciutto eccellente non può prescindere dalla sapiente selezione della materia prima: la coscia del maiale. Oggi come allora, la Piazza seleziona e lavora solo le migliori cosce. Le caratteristiche di base per essere ammesse al processo di stagionatura sono queste: 100% di origine italiana – come prevede il disciplinare del Consorzio del Prosciutto di Parma – provenire dai migliori allevamenti, dove i maiali sono allevati secondo i migliori standard del settore così le carni risultano più compatte e strutturate con il giusto rapporto grasso/magro e il “giusto peso”, elemento indispensabile per ottenere il prodotto di alta qualità nel rispetto della tradizione della salumeria italiana. Ogni fase della produzione dal primo sale alla stagionatura è rigorosamente eseguita a mano con metodo artigianale. La perfezione e la qualità dei prodotti di questa azienda, è  dovuta anche a un rigido controllo interno, effettuato con il metodo classico e tradizionale della puntatura o spillatura. Questa delicata fase di controllo, che richiede un olfatto fino e allenato (da anni di esperienza), si effettua utilizzando il tradizionale osso di cavallo, forando il prosciutto in cinque punti specifici. La “puntatura” deve rimanere superficiale e dev’essere eseguita con rapidità. Grazie alla sua particolare porosità, l’osso trattiene gli aromi della carne e l’olfatto allenato del mastro prosciuttaio permette di stabilire il buon andamento del processo produttivo e il rispetto della peculiare dolcezza. Solo dopo aver superato con successo quest’attenta valutazione della stagionatura, il prosciutto è pronto per ricevere la bollatura finale, sempre a fuoco, questa volta con il marchio della Peppino Piazza Prosciutti. https://www.piazzaprosciutti.it/home

 

 

Riso 100% italiano. Un pezzetto di storia nella Pianura Vercellese. L’Azienda Agricola Scagliotti Edoardo si trova all’interno delle aree protette del Po piemontese e promuove tecniche di produzione e gestione compatibili con la stella della biodiversità delle risaie , come l’impegno agro climatico ambientale e l’apporto di materie organiche in sostituzione della concimazione  minerale.

La trasformazione del riso grezzo in riso bianco, utilizzando le sbiancatrici coniche a pietra Minghetti, avviene in modo lento e delicato ed è ancora oggi considerata la migliore perchè mantiene i chicchi più “ambrati” integri ed uniformi con tutti i suoi valori nutrizionali. Tutte le grane verdi, le rotture ed i difetti, vengono eliminati accuratamente tramite selezionatrici ottiche per ottenere un riso di elevatissima qualità.

Il Riso Superfino Carnaroli occupa i livelli qualitativi più alti della produzione. Il chicco molto ricco di amilioso lo rende consistente garantendo un’ottima tenuta di cottura. Ideale per risotti che devono apparire ben sgranati.

A fare da cornice all’Azienda Scagliotti Edoardo il riso Baldo coltivato a Lamporo (VC) negli antichi Poderi Marone di proprietà della famiglia dal 1697. Coltivato nel campo del Vallaudino con tecniche a basso impatto ambientale, questo riso, di recente viene considerato un riso emergente tra i migliori d’Italia. La preziosa consistenza nei risotti si mantiene al dente se ben tostato al momento della cottura e il suo sapore delicato è ammirato dagli appassionati di gastronomia. Ideale per risotti, risi conditi o al forno. Il suo impiego ideale è nei risotti che devono apparire più cremosi all’onda.

Tra i Risotti c’è la tipica Panissa Vercellese, preparata con fagioli, salciccia di suino disidratata, carne suina, farina di grano tenero, farina di riso, sale, aromi naturali, condimento vegetale senza glutammato (sale, fecola di patate, estratto di lievito, maltodestrine di patate, verdure disidratate: cipolla carota, sedano, prezzemolo; olio di girasole, spezie, aromi naturali), pomodoro, aglio, pepe nero. https://www.risoscagliotti.it

Written By
More from Stefania Lupi

Cibo e salute: l’etichetta nutrizionale non basta se non si riduce il consumo di alimenti molto lavorati

Gli alimenti non sono caratterizzati solo dalla loro composizione e qualità nutrizionale,...
Leggi Tutto

Lascia un commento