Inaugurato il primo “cestino del mare” nella cornice di Portovenere

Oggi più che mai agire in modo sostenibile è vitale se vogliamo esercitare un impatto positivo sul nostro pianeta.  Un impegno sempre più forte che si concretizza, in Italia, attraverso iniziative importanti e di valore volte alla salvaguardia del nostro territorio. Una di queste è NIVEA MARE PROTETTO e riguarda l’adesione al progetto LifeGate PlasticLess® per la tutela di uno dei beni naturali italiani più importanti: il mare.

Pensata per ridurre  i rifiuti di plastica nelle nostre acque, prevede l’installazione, in alcuni porti italiani, dei primi 3 Seabin, veri e propri “cestini” del mare in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 kg di rifiuti al giorno. Il primo inaugurato nel porto di Marina del Fezzano a Portovenere,  rappresenta un piccolo grande traguardo per NIVEA che, insieme alle altre due installazioni previste nei porti di Riccione e Procida, prossima Capitale italiana della Cultura, contribuirà alla raccolta di circa 1 tonnellata e mezza di rifiuti galleggianti, incluse plastiche e microplastiche, in un solo anno. 

Tra le altre iniziative anche un progetto pensato per un futuro a zero emissioni e per un utilizzo sostenibile del territorio. Si tratta del BOSCO NIVEA, nato sul territorio italiano all’interno del Parco del Ticino e della Riserva Naturale dell’Aniene, la cui piantumazione di 6.000 metri quadrati di alberi è stata ultimata proprio di recente e vedrà molto preso per entrambe un’espansione.

 

Partito nel lontano 2011 e fortificatosi negli anni, l’impegno dell’Azienda è culminato nella pubblicazione di un’Agenda di Sostenibilità – la prima in assoluto nella storia di Beiersdorf – divenuta in breve tempo vero e proprio faro per tutti i paesi del gruppo. In costante aggiornamento, l’Agenda fornisce una serie di obiettivi sostenibili in 5 aree distinte, finalizzati a contribuire attivamente agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite:

La lotta contro il cambiamento climatico è la più grande sfida ambientale dell’umanità. Ecco perché NIVEA ha fissato degli obiettivi aziendali ambiziosi che non riguardano solo una riduzione significativa delle emissioni di CO2 degli stabilimenti di produzione, ma includono anche le emissioni indirette associate agli ingredienti e ai materiali utilizzati per il packaging dei suoi prodotti. Nello specifico:

  • Riduzione assoluta delle emissioni totali della catena del valore del 30% entro il 2025
  • Operazioni a impatto zero entro il 2030
  • Lancio dei primi prodotti “climate friendly” ad esempio quelli della gamma viso NIVEA Naturally Good nel 2021

Sin dal 2013 NIVEA è impegnata nell’eliminazione di microplastiche dai suoi prodotti. Ad oggi infatti tutti i prodotti a risciacquo – come i detergenti per il viso e per il corpo – ne sono privi al 100%. Fanno eccezione solo alcuni prodotti con formulazioni senza risciacquo dai quali NIVEA le eliminerà progressivamente al fine di raggiungere:

  • Prodotti al 100% privi di microplastiche entro la fine del 2021
  • Esclusivamente polimeri biodegradabili nelle formule dei prodotti UE entro la fine del 2025

NIVEA mira alla circolarità e all’uso responsabile del materiale delle confezioni per prevenire l’inquinamento e ridurre l’impronta di carbonio. Un approccio che prevede il più possibile riduzione, riciclo o sostituzione della plastica. Ma non solo, NIVEA rispetta la natura e si assicura di ottenere in modo sostenibile il materiale utilizzato, come ad esempio carta e cartone, a tutela delle foreste. Già dal 2019 infatti, il 100% delle confezioni in carta dei prodotti NIVEA è stato realizzato con materiale certificato FSC. L’obiettivo è di:

  • 100% del packaging ricaricabile, riutilizzabile o riciclabile entro il 2025
  • Riduzione del 50% della plastica vergine di derivazione fossile entro il 2025
  • 30% di materiali riciclati nel nostro packaging di plastica entro il 2025
  • 30% di riduzione dei rifiuti nei nostri impianti di produzione entro il 2025
  • Zero rifiuti di produzione in discarica

 

NIVEA mira a utilizzare le risorse naturali in modo da prevenire un impatto negativo o danni all’ambiente e persegue altri  obiettivi:

  • Tutti gli ingredienti rinnovabili da fonti sostenibili entro il 2025
  • Approvvigionamento delle principali materie prime senza deforestazione entro il 2025
  • Il 100% dell’olio di palma (seme) utilizzato, provienente da fonti sostenibili dalla fine del 2020
  • Il 100% delle confezioni in carta certificato FSC dal 2019

L’acqua dolce è una risorsa vitale, ma limitata. Per i suoi cosmetici sostenibili NIVEA sta lavorando per ridurre al minimo il consumo di acqua nei processi di produzione. L’azienda si impegna a raggiungere obiettivi specifici e misurabili: 

  • 25% di riduzione del consumo di acqua per prodotto fabbricato entro il 2025 

 

Written By
More from Stefania Lupi

Le news della bellezza – Beauty routine a prova di gelo

Per combattere i danni che il freddo causa alla nostra pelle, oltre...
Leggi Tutto

Lascia un commento