1 DICEMBRE 2020, GIORNATA MONDIALE CONTRO L’AIDS: PARTE LA CAMPAGNA SOCIAL #BASTAPOCO

Sono passati 37 anni da quando, nel lontano 1983, veniva isolato per la prima volta il virus dell’HIV. Da quel momento si cominciò a combattere contro lo stigma, la paura e le difficoltà psicologiche provocate da questa patologia. Ma quegli anni bui hanno portato anche a una grande consapevolezza: la forza della Ricerca che ha saputo raggiungere traguardi eclatanti e al suo fianco la Prevenzione che si è rivelata l’unico mezzo efficace per limitare la diffusione dei virus. Ecco perché ANLAIDS si impegna a mantenere alta l’attenzione, attraverso le sue azioni, per vincere definitivamente l’HIV e, in occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS lancia un’importante campagna social (#BASTAPOCO) destinata a riportare l’attenzione all’uso corretto del preservativo, che protegge dal rischio di infezione durante ogni tipo di rapporto sessuale ed è l’unica reale barriera per difendersi dall’HIV.

Se utilizzato correttamente il profilattico rappresenta uno dei mezzi più efficaci di prevenzione dall’HIV, proteggendo inoltre chi lo usa dalle Infezioni Sessualmente Trasmissibili in genere – Di Aids si moriva fino al secolo scorso, un periodo in cui si dibatteva con maggior frequenza delle conseguenze della malattia. Oggi, invece, l’HIV è spesso addirittura ai margini del dibattito, con il risultato che i giovani – e purtroppo anche gli adulti – conoscono poco la malattia e i “trucchi” per evitarla, proprio a partire dall’uso del preservativo, per esempio.

La campagna #bastapoco –  Basta poco per evitare questo virus, ed è proprio questo il tema lanciato dalla campagna che a partire dal 1 dicembre sarà diffusa sui social, con lo scopo di raggiungere il maggior numero di persone, di qualsiasi fascia d’età, affinché nessuno si dimentichi di utilizzare uno strumento così semplice e alla portata di tutti. La campagna #bastapoco è sostenuta da Anlaids Sezione Lombarda e realizzata nell’ambito di SmartSex, progetto di prevenzione attivo sul web dal 2014, che fornisce, tra le altre cose, informazioni in tempo reale sulle infezioni sessualmente trasmissibili e luoghi in cui potersi sottoporre al test diagnostico per l’HIV. Ideata da TheDigitalisti, agenzia di marketing digitale con sede a Roma e Milano, un team di social media manager, fotografi, videomaker, storyteller e developer “non-convenzionalisti”, #bastapoco sarà online a partire dal 1 dicembre e i suoi messaggi verranno veicolati per una settimana. La campagna, il cui protagonista è il profilattico, lancia due messaggi: il primo l’HIV non va in quarantena, tocca a noi mettercelo e il secondo, riferendosi all’affollamento degli spermatozoi, rivela che è l’unica forma di assembramento sicura.

“In base agli ultimi dati resi disponibili dall’ISS i numeri oggi, anche in Italia, sono ancora alti: all’anno sono circa 2.500 le nuove diagnosi di infezione da HIV, pari a 4,2 nuovi casi per 100.000 residenti, con un incremento registrato negli ultimi anni di nuove infezioni nelle fasce d’età tra i 25 e i 29 anni (10,4  nuovi  casi  ogni  100.000  residenti) e tra i 30 e i 39  (9,8 nuovi casi ogni 100.000 residenti); in queste fasce di età l’incidenza nei maschi è stata 4 volte superiore a quelle delle femmine. Le persone che hanno scoperto di essere  HIV  positive nel  2019  sono stati  maschi  nell’80%  dei  casi. Nel 2019, la maggior parte delle nuove diagnosi di infezione da HIV è stata causata da rapporti sessuali non protetti da preservativo, che hanno costituito l’84,5% di tutte le segnalazioni (eterosessuali 42,3%, MSM – maschi che fanno sesso con maschi  42,2%). Diversamente dagli anni precedenti, in cui erano preponderanti le diagnosi associate a trasmissione eterosessuale, nel 2019, per la prima volta, la quota di nuove diagnosi HIV attribuibili a MSM è stata pari a quella ascrivibile a rapporti etero-sessuali. I casi attribuibili a trasmissione eterosessuale sono costituiti per il 59,6% da maschi e per il 40,4% da femmine. Il 70% dei casi di AIDS segnalati nel 2019 era costituito da persone che non sapevano di essere HIV positive”, dichiara il Professor Andrea Gori, Presidente di Anlaids Lombardia e Direttore Unità Operativa Malattie Infettive, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Università degli Studi di Milano.

“Nel 2014 siamo stati i primi in Italia a capire l’importanza della “prevenzione in formato digitale” con una App dedicata alle Infezioni Sessualmente Trasmissibili e dei canali social gestiti da esperti. Oltre 500.000 download e oltre 2 milioni di interazioni sui nostri canali, numeri che ci incoraggiano a continuare in questa direzione. SmartSex è un’ottima piattaforma per veicolare la nostra campagna del 1 dicembre”, dice Carmine Falanga, responsabile progetti e iniziative speciali di Anlaids e artefice della campagna.
“Le indicazioni al “distanziamento sociale” per prevenire l’infezione da Coronavirus, non hanno avuto lo stesso effetto sul ‘distanziamento sessuale’. I dati del Centro MTS di ATS Città Metropolitana di Milano, rimasto sempre operativo, sottolineano che l’incidenza delle infezioni sessualmente trasmesse (IST) per l’anno in corso non è diminuita: 25% vs 24% del 2019, nonostante il calo del 50% dell’utenza afferente all’ambulatorio MTS dovuto all’accesso su appuntamento, secondo le normative anti-Covid. Nei rapporti sessuali con partner occasionali, l’utilizzo del preservativo è sempre scarso: i rapporti ‘condom free’ sono il 70%. Uretriti, sifilide, gonorrea e clamidia sono le IST maggiormente rappresentate e l’infezione da HIV non diminuisce negli anni (4%). In base ai nostri dati l’infezione da HIV e le altre IST non sono andate ‘in quarantena’”, dichiara il dottor Gianmarino Vidoni, Direttore UOC MTS di ATS Città Metropolitana di Milano, referente del progetto SmartSex per conto di ATS Milano.

TheDigitalisti concludono: “Partecipare a questo progetto per noi ha rappresentato non solo una sfida in ambito ‘digital’ ma anche e soprattutto un momento per riflettere che basta poco per proteggere e proteggersi dall’AIDS. E per noi ha significato tanto dare un piccolo contributo a una grande causa“.

 

 

Written By
More from Severina Cantaroni

Lascia un commento