SETTEMBRE “MESE DEL CUORE”: torna l’iniziativa all’insegna della prevenzione

heart-157895_960_720

Dal 2 settembre al 1 ottobre i medici del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma per sensibilizzare la popolazione italiana sui principali fattori di rischio per la salute del cuore effettueranno un check up gratuito presso gli Ambulatori di Geriatria del CEMI (Centro Medicina dell’Invecchiamento) Fondazione Policlinico A. Gemelli – Università Cattolica del Sacro Cuore. Prenotarsi è semplice, basterà chiamare il NUMERO VERDE 800087780 attivo dal 28/08/2017 al 29/09/2017.

Durante le visite di screening i medici del Polo di Scienze dell’Invecchiamento del Policlinico Gemelli eseguiranno la misurazione della pressione arteriosa, dei valori di glicemia e colesterolo, dell’indice di massa corporea, unitamente alla valutazione dello stile di vita, delle abitudini alimentari e di alcuni parametri di performance funzionale (come la forza muscolare). Al termine della visita ai partecipanti verrà rilasciata una scheda in cui saranno riportati i risultati delle valutazioni eseguite corredati da consigli e raccomandazioni per un corretto stile di vita.

Nelle due precedenti edizioni, a Roma e a Milano, il Mese del Cuore ha riscosso molto successo: oltre 2.400 persone, dai 18 ai 90 anni, si sono sottoposte allo screening, e altre 24.000 hanno effettuato il test di autovalutazione di 7 fattori di rischio per la salute del cuore sul sito viaggioalcuoredelproblema.it. Anche quest’anno, il progetto si avvale del team specialistico coordinato dal Professor Francesco Landi, Geriatra del Policlinico A. Gemelli e Docente dei Medicina e interna e geriatria presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Da anni il Professor Landi è impegnato sul piano scientifico e didattico su temi legati alla prevenzione e all’identificazione dei fattori associati a una longevità “di successo”. Il suo team ha analizzato i risultati raccolti durante il Mese del Cuore lo scorso anno da cui emerge una fotografia degli italiani come popolo “dal colesterolo inconsapevole”, con elementi epidemiologici di novità, tra cui emerge il dato secondo cui 2  persone su 3 (38%) del campione analizzato, infatti, non avevano misurato il colesterolo nell’ultimo anno: di questi, la metà (50%) non era consapevole di avere valori fuori dalla norma con livelli di colesterolo sopra i 200 mg/dl.  Inoltre, il 54% * delle persone valutate sono risultate con valori alti di pressione arteriosa e il 52% in sovrappeso, quindi oltre 1 su 2 del campione analizzato.

“Sensibilizzare l’opinione pubblica sui fattori di rischio delle malattie cardiovascolari può contribuire all’adozione di un corretto e salutare stile di vita”, dichiara il Professor Landi. “Iniziative come il Mese del Cuore contribuiscono a sviluppare una maggiore consapevolezza sul tema prevenzione. Con un semplice check up è possibile verificare la correttezza delle proprie abitudini di vita e ricevere preziosi consigli su come vivere in modo più sano.”

Il valore del progetto è stato anche sancito dal premio Giovanni Paolo II, prestigioso riconoscimento de l’Università Cattolica del Sacro Cuore e della Fondazione Policlinico A. Gemelli di Roma, attribuito a Danone Italia per l’importante contributo offerto per la ricerca scientifica sui corretti stili di vita in occasione della Giornata per la Ricerca lo scorso 25 maggio. In collaborazione con i medici geriatri del Policlinico Gemelli di Roma e i ricercatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Danone mette a disposizione la piattaforma www.viaggioalcuoredelproblema.it, a supporto e divulgazione del progetto di prevenzione. Si tratta di una piattaforma digitale ed educativa sui fattori di rischio per la salute che accompagna gli utenti in un percorso finalizzato a migliorare il proprio stile di vita. Il progetto Mese del Cuore sarà inoltre supportato da una campagna di comunicazione volta a diffondere l’iniziativa di prevenzione a livello nazionale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *