SALUDECIO, CITTÀ DELL’800 – SALUDECIO (RN) -5-6 AGOSTO

SOLU 3

Due serate ottocentesche… e una Notte Bianca nel Borgo

Saludecio e il suo centro storico, d’origine medievale, si presenta oggi come un tipico borgo collinare ottocentesco nel quale la scenografia urbana, dall’elegante corso alla piazza municipale, dai palazzi nobiliari agli scorci più caratteristici, richiama l’atmosfera del XIX secolo quando il paese, sede di Mandamento, rappresentava il vero centro della Vallata.

Per decenni il riferimento storico a questo importante periodo ha fatto da filo conduttore ed ispiratore di 800 Festival, la manifestazione estiva che ha dato lustro al Comune oltre i confini provinciali e regionali.SOLU 2

Ancora oggi Saludecio è un prezioso scrigno d’arte e cultura che continua a promuovere, oltre ai rilevanti aspetti paesaggistici e architettonici, la magica atmosfera dei secolo scorso attraverso mostre storico-artistiche e rassegne di spettacolo.

Un intrigante percorso si snoda fra vicoli e piazzette del centro storico alla scoperta dei Murales, 50 opere pittoriche dipinte sui muri delle case del Borgo: un policromo e originale percorso en plein air, nato nel 1991 e dipinto dagli artisti di Genius Loci – Ar.Per.C. di Castellabate-Salerno che raffigura le Invenzioni dell’ 800: da quelle più note (cinema, fotografia, radio, telefono, lampadina, ecc.) a quelle più curiose (fumetto, ecologia, lametta, jeans, ecc.).

Nell suggestive Sale delle ex Carceri Mandamentali, è allestita e aperta al pubblico la Mostra Garibaldi, un mito da riscoprire: la Collezione Ottaviani: una mostra permanente, documentaria ed iconografica nata grazie alla passione e disponibilità di Michele Ottaviani, saludecese, il quale ha collezionato negli anni cimeli originali di ogni genere (divise, editti, dipinti, libri, cartoline, francobolli, monete, gadget, ecc.) legati alla figura di Garibaldi ed al Risorgimento.SOLU

Dallo scorso anno è poi partito un nuovo progetto culturale e nello stesso tempo turistico e di promozione del territorio: Un 800 per tutte le stagioni che, seguendo l’avvicendarsi delle quattro stagioni sulla base dell’antico calendario agricolo con i suoi ancestrali riti stagionali, mette in calendario quattro originali Rassegne d’ispirazione ottocentesca, ognuna diversa per tradizione e caratteristiche (fisiche, simboliche, produttive, enogastronomiche) calate in castelli, palazzi, architetture, paesaggi e luoghi del territorio da far conoscere e valorizzare. “800.Primavera” nel Castello di Cerreto, a bruciare l’inverno con il rito del carnevale; ”800.Estate” nel Castello di Meleto con il mistero e le suggestioni notturne del teatro noir di N.N.T.; ”800.Autunno” dedicato alle tradizioni che vanno da Ognissanti a San Martino; ”800.Inverno” a rievocare lo spirito delle Veglie invernali nei casolari e nelle osterie di campagna.

Per l’estate, e soprattutto nel mese di agosto, si procederà ad un’ulteriore valorizzazione delle Mostre permanenti sopra descritte, riproponendo in particolare, attraverso un appuntamento rievocativo, le atmosfere festivaliere di musica e spettacolo.

Anche quest’anno il Comune di Saludecio, con il patrocinio della Provincia di Rimini, rende omaggio al suo Festival ottocentesco che per decenni ha dato al borgo della Valconca un’indelebile impronta culturale e turistica.

“800 NOTTE BIANCA PER SOGNATORI” è il titolo del weekend del 5 e 6 agosto dedicato al sogno romantico dell’800, alle notti stellate ed alla luna.SOLU 1

DUE SERATE OTTOCENTESCHE e….UNA NOTTE BIANCA nel Borgo di Saludecio con suggestioni, spettacoli. cibi, delizie e “cose del tempo che fu”, incorniciati dalle magiche atmosfere di piazze e piazzette.

Il weekend inizia SABATO 5 AGOSTO dalle ore 20, all’imbrunire, e prosegue fino a tarda notte per dare a tutti appuntamento alle ore 6, sul Belvedere che si affaccia sul mare Adriatico, con un concerto di sonorità e musiche d’atmosfera alle prime luci dell’alba.

DOMENICA 6 AGOSTO riparte la seconda serata dalle ore 20, con il rosso del tramonto, per concludersi a mezzanotte e passa.

Ogni serata, a mezzanotte, tutti i “sognatori” potranno scrivere un desiderio e farlo volare affidandolo al cielo stellato, ispirati dalle notti dipinte di Van Gogh e dalla sua poetica riflessione “Non so nulla con certezza, ma la vista delle stelle mi fa sognare”.

INGRESSO GRATUITO

INFO:   www.comunesaludecio.it

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *