LAGUNA IN TECJA 2018

TEC

“Laguna in Tecja”crociere con pranzo nella Laguna di Marano (UD) e Grado (GO) per riscoprire la stagionalità del pesce e le radici culturali del popolo lagunare. Il Battello Santa Maria organizza, nei fine settimana di fine ottobre, di novembre e di dicembre

E ricorda: Laguna in Tecja è anche un modo originale per festeggiare le feste di classe o i compleanni.

Con Capitan Nico si salperà alla volta degli specchi lagunari, per addentrarsi nelle riserve naturali, tra canali e rii, canneti e casoni che costituiscono uno dei più apprezzati ambienti umidi d’Italia. Oltre alle bellezze paesaggistiche, le gite daranno modo ai partecipanti di degustare i piatti stagionali della tradizione culinaria del popolo lagunare, di cui Nico, maranese doc, svelerà la storia e i cuoriosi retroscena.

C’è il “Canoccia Day”, il “Bisato in Speo”, il “Molluschimania”, lo “Scampichipuò”, l’ “Orate pro vobis”. e il “Laguna selvaggia”. Sei scherzosi appellativi per sei modi differenti di gustare le prelibatezze ittiche e avicole del territorio. Torna a grande richiesta per gli amanti della natura e della buona tavola la kermesse gastronomica “Laguna in Tecja”: gite in barca alla scoperta di paesaggi mozzafiato e delle secolari tradizioni culinarie del popolo lagunare.

D’autunno la laguna della Bassa Friulana indossa il suo abito migliore: regala colori e paesaggi estremamente suggestivi ed offre un habitat ideale per gli uccelli migratori provenienti dal Nord Europa. Dal 27 ottobre al 16 dicembre 2018 tutti i sabati e le domeniche, con partenza da Marano (27-28 ottobre, 3-4 e 10-11 novembre, 1-2, 8-9, 15-16 dicembre) o da Aquileia (17-18 e 24-25 novembre), il Battello Santa Maria, guidato da CapTEC 1itan Nico, con il suo bagaglio di storie e memorie del territorio, salperà alla volta degli specchi d’acqua lagunari, per addentrarsi nel misterioso intrico di canali e rii, di acque dolci e salate, di canneti e casoni che costituiscono l’essenza del magico ambiente acquatico che circonda le cittadine di Marano Lagunare e Grado. Si navigherà all’interno dei Parchi naturali regionali, meta obbligatoria per innumerevoli specie avicole migratorie e ambiente umido tra i più apprezzati d’Italia, con visite organizzate alla Riserva naturale Foci dello Stella, a Grado, a Barbana, a Lignano e alle Valli da pesca.

La tecja, ovvero la pentola, sarà il filo conduttore che caratterizzerà queste crociere del gusto, pensate per unire il piacere della gita in barca con i sapienti racconti della tradizione lagunare e i sapori del pesce freschissimo e a chilometro zero. Ogni crociera sarà dedicata ad un pesce specifico, cui sono legate ricette e pratiche centenarie, che Capitan Nico non mancherà d’illustrare a beneficio dei partecipanti: ci sarà il giorno delle cicale di mare, quello dell’anguilla, cucinata allo spiedo come da tradizione, dei molluschi, degli scampi e delle orate. Oltre a “Laguna selvaggia”, dedicata invece alla selvaggina e alla tradizione locale che in questa stagione vedeva il maranese trasformarsi da pescatore a cacciatore, approfittando dell’arrivo degli uccelli migratori dal Nord Europa in questa terra di non-mare.

Il costo è variabile in base al pesce della giornata: per escursione, aperitivo e pasto completo si va dai 50 ai 60 euro. La portata massima della motonave, dotata di un salone coperto e riscaldato, è di 60 passeggeri: per questa ragione è obbligatoria la prenotazione (tel. +39 339 6330288 o e-mail info@battellosantamaria.it). La degustazione si farà anche in caso di maltempo, ormeggiati in banchina.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *