INFLUENZA: CON LA GIUSTA ALIMENTAZIONE E QUALCHE TRUCCO, SI AIUTA L’ORGANISMO A RITROVARE ENERGIA

ginger-1918107_1920

Tosse, naso chiuso, debolezza, mal di gola e  la sempre fastidiosa influenza. Non tutti questi sintomi si traducono poi in una “vera” influenza: spesso si tende a confondere questi malesseri con lo stato influenzale poiché si tratta di disturbi molto simili a quelli causati dai virus principali della stagione.  Inoltre, altri fattori come lo smog possono peggiorare la situazione, incidendo sul nostro organismo in modo ancor più  debilitante.

Per questa ragione, è importante crearsi difese immunitarie forti, una condizione indispensabile per garantire al fisico l’energia e le riserve indispensabili per reagire e affrontare al meglio il pieno inverno. Ma come fare?

Il primo passo è, naturalmente, un’alimentazione sana e bilanciata. “Il segreto è nello stimolare e potenziare le nostre difese immunitarie e nel mantenere il tono energetico per poter affrontare al massimo delle proprie potenzialità l’arrivo della stagione fredda” – commenta Giorgio Donegani, Direttore scientifico della Fondazione Italiana per l’Educazione Alimentare. “Il nostro sistema immunitario è infatti un efficiente scudo naturale che ogni giorno combatte contro i germi una guerra silenziosa. Questo è un apparato complesso, fatto di cellule specializzate implacabili nell’opporsi ai nemici della salute, e capace di proteggerci dalle malattie, a patto però di sostenerlo con un’adeguata alimentazione. Alimentarsi bene significa anche questo: migliorare con il cibo le nostre capacità di difesa, e la scienza ha individuato perfettamente gli alimenti su cui puntare e le regole da seguire a tavola”.

Frutta, e agrumi in particolare, costituiscono  una carica fondamentale di vitamine – del gruppo B (B1, B2, B6) e C – utilissime per rafforzare il sistema immunitario. Il pesce e, nelle giuste quantità, anche la carne sono altrettanto importanti fonti di proteine e zinco, un micronutriente che gioca un ruolo chiave nel proteggere l’organismo intervenendo nel processo di stimolazione, maturazione e proliferazione dei linfociti T, cellule essenziali per il sistema immunitario.

E se, nonostante tutte le precauzioni e attenzioni alimentari, i mali di stagione dovessero avere la meglio? Si può ricorrere in questo caso all’uso di un integratore specifico da diluire nell’acqua, che va assunta sempre in grandi quantità per recuperare più velocemente i liquidi persi, ad esempio, a causa della febbre.

In convalescenza poi – continua Giorgio Donegani – per accelerare i tempi e recuperare in fretta la piena forma, si possono rivelare preziose delle integrazioni specifiche che puntino a sostenere l’organismo con un pool esteso di vitamine, sali minerali, e con specifici amminoacidi, soprattutto creatina, arginina, beta alanina”.

Per questo, è bene scegliere un prodotto completo e specifico per il recupero post influenzale, che acceleri il processo di convalescenza aiutando il fisico a ritrovare la giusta forma ed energia.

 

QUALCHE TRUCCO PER RITROVARE LA FORMA FISICA E L’ENERGIA  

Vitamine e zinco, dunque, come primi fattori protettivi per tenersi in forma in prospettiva dell’inverno. Ma è importante non dimenticarsi nemmeno i cosiddetti “macronutrienti” calorici, come gli zuccheri, le proteine e i grassi. Per combattere la nostra battaglia per la salute infatti ci vuole energia: mangiare troppo poco aumenta il rischio di contrarre infezioni, e non conviene nemmeno cadere nell’errore opposto di mangiare troppo, perché è dimostrato un eccesso di calorie può esser correlato ad un maggior rischio di sviluppare la sindrome metabolica. Insomma, quanto a calorie, né troppe né troppo poche.  

In particolare, produzione di energia e rinnovamento cellulare sono due funzioni essenziali svolte principalmente dagli amminoacidi, le sostanze che compongono le proteine. Tra questi elementi, creatina, arginina e beta alanina svolgono un ruolo primario per il metabolismo energetico. 

Oltre a fornire un giusto apporto di calorie, la dieta deve anche essere completa e ben equilibrata. In particolare deve fornire le proteine necessarie per costruire le cellule e di grassi. A proposito dei grassi, oltre alla quantità, occorre fare attenzione anche alla loro qualità: ogni giorno si deve fare rifornimento di quegli acidi grassi polinsaturi (omega3-omega6) che sono indispensabili costituenti delle cellule immunitarie. Tornando invece alle proteine, alcuni amminoacidi possono ben integrare una dieta protettiva. La glicina, per esempio, svolge importanti funzioni a livello di produzione di immunoglobuline e anticorpi, mentre la glutammina è un efficace “carburante” per le cellule del sistema immunitario. 

Durante i cambi di stagione, soprattutto prima dell’inverno come prevenzione ma anche ai primi sintomi di infezioni, può essere molto utile assumere un integratore alimentare che apporti  al nostro organismo questi aminoacidi e altre vitamine e minerali che stimolano e supportano le difese immunitarie dell’organismo, potenziando la capacità di resistere e combattere le infezioni. Oltre a glicina e glutammina, anche zinco, rame, manganese e le vitamine C, B2, B6 e B12 risultano particolarmente importanti a queste funzione ed è quindi essenziale non farli mai mancare al nostro organismo.Se da un lato porta qualche disagio, il buono dell’inverno è che comunque ci mette a disposizione gli agrumi: arance, pompelmi, mandarini… succosi e profumati, sono un serbatoio naturale di vitamine e fattori protettivi. Il loro pregio maggiore è la ricchezza di vitamina C, ma hanno tante altre virtù che vale la pena di sottolineare: ricchi di potassio, poveri di sodio, contengono buone quantità di calcio e fosforo e apportano anche una buona quota di vitamine del gruppo B. Contengono poi due sostanze particolari, l’esperidina e le antocianine, utilissime come antinfiammatori e per rinforzare i capillari sanguigni. 

Poco presente nelle nostre abitudini, il ribes nero è un altro alimento che proprio nella stagione invernale si rivela particolarmente prezioso, perché contiene una quantità incredibile di vitamina C. Tra le sue tante funzioni, questa vitamina agisce come efficace antinfiammatorio ed è quindi importante inserirlo nella dieta perché rappresenta un valido aiuto per limitare i danni causati da influenza e raffreddamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *