“Casa dei Melograni”, la casa per i piccoli colpiti da malattie oncoematologiche

sdr
sdr

Difficile trovare momenti di serenità e relax quando i piccoli soffrono e sono malati. Ma proprio con questo obiettivo nasce a Pietra de’ Giorgi la “Casa dei Melograni”, struttura di accoglienza per famiglie con bambini colpiti da malattie oncoematologiche, realizzata negli spazi dell’ex asilo parrocchiale di Castagnara che sarà gestita da AGAL – Associazione Genitori e Amici del Bambino Leucemico. L’idea progettuale nasce dietro proposta del Comune di Pietra de’ Giorgi e grazie alla disponibilità di AGAL per la successiva gestione della casa. 

L’edificio è stato riqualificato dal Comune di Pietra de’ Giorgi nell’ambito del Progetto Oltrepò (bio)diverso, con il contributo del Programma Intersettoriale AttivAree di Fondazione Cariplo. Strutturato in sei mini alloggi autonomi per 24 posti letto e con aree collettive come il locale lavanderia e stireria e un’area giochi, è destinato a ospitare nuclei familiari con bambini in cura presso i centri pavesi, in particolare l’Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo. Intorno all’edificio un’ampia area verde con un campo sportivo e un parco giochi inclusivo per persone con ridotta mobilità.

AGAL, nata a Pavia nel 1982, collabora stabilmente dal 2007 con la Clinica di Oncoematologia pediatrica del Policlinico San Matteo, supportando in reparto i piccoli malati e i loro genitori e offrendo loro alloggi completamente gratuiti per il periodo di cura. Le richieste di ospitalità da parte di famiglie che arrivano da altre regioni o Paesi sono sempre tante e per soddisfarle tutte è fondamentale la sinergia tra associazioni, istituzioni e privati. La nuova struttura, che si aggiunge alle altre gestite da AGAL come “Casa Mirabello”, offrirà un’abitazione confortevole a interi nuclei familiari.

Inaugurazione_casa_dei_melograni_AGAL

Realizzare “Casa dei Melograni” è un’idea che ora sta mobilitando l’intera comunità, non solo di Pietra de’ Giorgi e dei comuni limitrofi. Basti pensare che l’edificio è stato ricavato dai locali dell’ex asilo parrocchiale di Castagnara, ceduti per trent’anni al Comune dalla Parrocchia di Santa Maria Assunta di Pietra de’ Giorgi con il consenso della Diocesi di Tortona.

Grazie al supporto del Comune di Pietra de’ Giorgi e di AUSER Comprensoriale, e soprattutto grazie ad un gruppo di cittadini volenterosi, è nata inoltre una AUSER locale che gestisce i trasporti verso i centri di cura e potrà venire incontro alle esigenze delle famiglie e dei bambini che saranno ospitati. In questo modo, la qualità del territorio (ambiente naturale e servizi) diviene un ulteriore strumento di cura per i bambini e le famiglie. Così sarà loro consentito di vivere in un ambiente accogliente, sereno ed esterno a quello strettamente ospedaliero.

 

 

AGAL (Associazione Genitori e Amici del Bambino Leucemico) nasce a Pavia nel 1982 dal desiderio di un gruppo di genitori di bambini colpiti da malattie oncoematologiche di offrire ad altre famiglie un aiuto concreto per affrontare meglio la dura esperienza della malattia. L’associazione ha sede presso la Clinica di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico San Matteo di Pavia, uno dei centri italiani più all’avanguardia per questo tipo di patologie, con cui opera in completa sinergia, e supporta i piccoli malati e i loro familiari durante il lungo e difficile periodo delle cure, operando su diversi fronti e con il supporto di 50 volontari. 

ACCOGLIENZA – L’associazione offre alloggio completamente gratuito ai bambini che con i loro familiari arrivano da altre regioni e Paesi per sottoporsi a cure e trattamenti presso la Clinica e che per motivi economici non possono permettersi una soluzione abitativa per i lunghi periodi di degenza. I luoghi dell’ospitalità sono Casa Mirabello, grande edificio di 500 mq composto da 10 camere con bagno (23 posti letto), cucina e sala da pranzo comuni, ludoteca, lavanderia e spazio verde esterno attrezzato con giochi, e 3 appartamenti indipendenti completamente attrezzati (12 posti letto).

Nel 2018 AGAL ha accolto nelle sue case a Pavia, a poca distanza dall’ospedale, 161 persone.

INTEGRAZIONE – AGAL assicura ai suoi assistiti il trasporto quotidiano per le cure in day-hospital e per la frequenza della scuola in ospedale e la possibilità di ricevere assistenza psicologica. L’associazione organizza inoltre attività ludico-ricreative e aiuta economicamente le famiglie in difficoltà.

CURA – AGAL contribuisce al miglioramento dell’assistenza e delle terapie in ospedale, finanziando interventi strutturali nei reparti, supportando la ricerca scientifica e promuovendo l’aggiornamento e la collaborazione tra operatori sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *