Anno nuovo, vita nuova: NO al tabagismo

cigarette-666937_1920

 

Nonostante le campagne antifumo, nonostante sia noto che il fumo fa male, le cifre sulle conseguenze del tabagismo non sono confortanti. Per questo motivo, La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori – LILT, Sezione Provinciale di Milano, di fronte ai 41.000 nuovi casi di tumore del polmone identificati nel 2015 in Italia, ribadisce l’importanza di abbandonare il vizio del fumo

Nel nostro Paese si contano oltre 10 milioni di fumatori, il 20,8 per cento della popolazione. Di questi, il 49 per cento consuma tra le 10 e le 19 sigarette al giorno, quasi il 30 per cento un pacchetto o più.

«Il fumo è un importante fattore di rischio per il tumore del polmone, ma anche per il cancro della bocca e dell’esofago, per quello delle vie urinarie e della vescica e per le patologie cardiorespiratorie – spiega il Professor Marco Alloisio, presidente di LILT Milano -. Uno screening moderno di prevenzione del cancro polmonare deve avvalersi dei biomarcatori più avanzati, ma anche prevedere test di tipo cardio-respiratorio».

Per aiutare chi fuma a smettere  LILT Milano mette a disposizione dei cittadini a Milano e Monza i suoi Centri Antifumo, luoghi dove, grazie al supporto degli esperti, è possibile superare la dipendenza dalla sigaretta. I percorsi presso i Centri Antifumo sono due: individuale, con uno psicologo esperto in problemi legati al tabagismo, e di gruppo, per chi preferisce affrontare il problema insieme a altre persone che vogliono smettere di fumare. «Presso i nostri Centri, con l’aiuto di uno psicologo, è possibile essere inseriti in un percorso che si adatti alla personalità del singolo fumatore – continua il Professor Alloisio -. Inoltre, garantiamo un test di funzionalità respiratoria che prevede un esame spirometrico e il test di misurazione del monossido di carbonio nell’espirato».

Per la tutela dei più giovani, LILT Milano promuove il progetto Agenti 00Sigarette Missione Lilt patrocinato dall’Ufficio Scolastico Regionale della Lombardia, per la prevenzione del tabagismo, che si affianca all’educazione ai corretti stili di vita. Il progetto è rivolto ai bambini delle classi quarte delle scuole primarie, coinvolti in un impegno personale contro il fumo, attraverso l’uso del linguaggio teatrale e di materiali di sensibilizzazione.

La prevenzione primaria è fondamentale per raddoppiare i risultati ottenuti negli ultimi 17 anni dove le guarigioni da tumore sono aumentate del 14 per cento. «Questi numeri sono riconducibili non solo all’evoluzione delle terapie anti-cancro e alla minore invasività degli interventi chirurgici ma anche e, soprattutto, alla diagnosi precoce, che permette di individuare un tumore quando è ancora di dimensioni ridotte, e alla prevenzione che sta portando a una netta diminuzione dell’incidenza delle patologie tumorali» – conclude il Professor Alloisio.

Ma anche lo Stato deve fare di più. Il tabacco rappresenta un’entrata per lo Stato italiano che si aggira intorno agli 11 miliardi di euro ricavati dalle accise del tabacco. «Queste risorse potrebbero essere impiegate, anche solo parzialmente, per garantire l’accesso dei cittadini alle terapie e per incrementare le iniziative di prevenzione primaria e secondaria – continua il Presidente di LILT Milano -. L’Italia, però, è anche tra i Paesi europei dove le sigarette costano meno e questo rappresenta ancora un invito al fumo. Allo Stato chiediamo un impegno maggiore nel promuovere iniziative di sensibilizzazione verso la popolazione, soprattutto le donne e i giovani che ad oggi risultano tra i maggiori consumatori di tabacco».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *