Anche gli occhi soffrono della “sindrome da rientro”

eye-158640_1280

Il cambio di clima, il ritorno in ambienti chiusi (scuola e ufficio) e la permanenza di diverse ore davanti a schermi con luce spesso artificiale possono favorire la comparsa di sintomi legati alla secchezza oculare. La disfunzione lacrimale è una condizione frequente che si manifesta a causa della rottura dell’equilibrio fra gli elementi che garantiscono l’omeostasi del sistema di superficie oculare, che dipende da una quantità sufficiente di lacrime, da una composizione e un’architettura regolare del film lacrimale, da una chiusura palpebrale corretta e da un adeguato ricambio del film lacrimale.

Il bruciore serale o il senso di corpo estraneo o di sfregamento e ruvidezza all’ammiccamento, così come la necessità di sbattere gli occhi per migliorare la nitidezza della visione, sono i sintomi tipici della secchezza oculare e segnalano che il sistema della superficie oculare non riesce più a mantenere l’equilibrio e si sta scompensando.
“La ripresa della vita quotidiana dopo le vacanze (lavoro, scuola etc) comporta un’esposizione per periodi lunghi ad aria con bassi livelli di umidità relativa legati al condizionamento spesso forzato dell’aria degli uffici. – assicura il Prof. Rolando, Maurizio Rolando, del Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica di Genova e membro del Gruppo P.I.C.A.S.S.O – L’applicazione visiva prolungata, quale quella presente durante il lavoro al computer, soprattutto se legata ad attività che richiedono concentrazione, inibisce la frequenza di ammiccamento, che viene così rallentato o del tutto soppresso quando siamo particolarmente attenti in un lavoro impegnativo. Questo comporta un lungo tempo di esposizione dell’occhio all’evaporazione dell’acqua delle lacrime, ma i sali che sono contenuti nelle lacrime aumentano progressivamente la loro concentrazione, provocando senso di bruciore e dando luogo a fenomeni infiammatori”.
Piccoli accorgimenti, pero’,  possono aiutare la salute degli occhi: “Mantenere gli occhi puliti (igiene palpebrale) e ben lubrificati grazie all’utilizzo di sostituti lacrimali fluidi (non appiccicosi) e sempre senza conservanti, è certamente un buon modo per evitare i fenomeni irritativi propri della stagione e ridurre i fastidiosi sintomi di sabbietta o bruciore che li caratterizzano – conclude il Prof. Rolando, che, insieme al Gruppo P.I.C.A.S.S.O.*, ha proposto un metodo per la gestione del paziente con disfunzione lacrimale. – E’ bene ricordarsi, soprattutto nelle prime fasi dell’utilizzazione degli schermi, di ammiccare regolarmente e bagnare gli occhi con lacrime artificiali, senza aspettare la comparsa del fastidio, perché quando questo compare è già segno di un livello significativo di difficoltà e di un processo infiammatorio già in atto. Un altro accorgimento  è privilegiare un’alimentazione ricca di sostanze antiossidanti, vitamine e Omega 3 ( pesce azzurro, tonno, etc..) sostanze che hanno effetti protettivi sulla superficie oculare e sull’occhio in genere.”
Tra i i sostituti lacrimali e’ preferibile scegliere  lacrime artificiali con acido ialuronico. L’acido ialuronico, con una viscosità tale da essere simile a quella delle lacrime, consente di ricostruire uno spessore del film lacrimale efficiente: è disponibile in farmacia in associazione a molecole come il trealosio, che ha proprietà antiossidanti e protegge a cellula epiteliale dagli insulti provenienti dall’ambiente esterno. In questo modo è possibile migliorare la qualità dell’epitelio e aumentare il beneficio del trattamento.

 

SOFFRI DI OCCHIO SECCO?

Il questionario DEQ-5 (Dry Eye Questionnaire) per l’individuazione dei possibili casi di occhio secco può’ essere suggerita a tutti coloro che presentino secchezza o fastidi oculari; permette di riconoscere i pazienti in cui sospettare la presenza del disturbo e che dovranno fare riferimento allo specialista.

NELL’ULTIMO MESE CON QUALE FREQUENZA HA PERCEPITO FASTIDIO OCULARE
0  1   2   3     4
Mai        Sempre

IN CASO DI FASTIDIO OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE FASTIDIO AL TERMINE DELLA GIORNATA?
0 1    2   3     4       5
Nullo        Molto forte

CON QUALE FREQUENZA HA AVVERTITO SECCHEZZA OCULARE?
0   1   2    3      4
Mai          Sempre

IN CASO DI SECCHEZZA OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE SENSAZIONE AL TERMINE DELLA GIORNATA, NELLE DUE ORE PRECEDENTI AL MOMENTO DI CORICARSI?
0   1   2   3   4   5
Nullo       Molto forte

CON QUALE FREQUENZA LE SEMBRA CHE I SUOI OCCHI SOFFRANO DI LACRIMAZIONE ECCESSIVA ?
0   1   2   3   4
Mai         Sempre

Si considera positivo un punteggio complessivo superiore a 6. Nel caso di un punteggio superiore a 12 è necessario considerare la possibilità di una sindrome di Sjogren2.  La sindrome di Sjogren è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario per errore aggredisce le ghiandole che producono le lacrime e la saliva provocando la comparsa dei due sintomi principali: occhi e bocca secchi. In circa il 30% dei casi la sindrome si presenta come manifestazione di accompagnamento di un’altra malattia autoimmune (artrite reumatoide, LES, ecc); si parla in questi casi di forma secondaria.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *