AL VIA LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE SULLO SCOMPENSO CARDIACO

heart-2211180_1920

E’ partita la campagna 2017 Muoviti per il tuo cuore, che coinvolge 40 centri di cardiologia italiani per informare i cittadini sullo scompenso cardiaco, una patologia che in Italia colpisce circa 1 milione di persone.

Sono infatti circa 1 milione gli italiani1 colpiti da questa malattia che nel nostro Paese è la seconda causa di ricovero (dopo il parto).
L’iniziativa si inserisce nell’European Heart Failure Awareness Day, campagna europea promossa dal 2010 dalla Heart Failure Association (HFA) della Società Europea di Cardiologia (European Society of Cardiology – ESC) e sostenuta dalla Federazione Italiana di Cardiologia (che coordina tutte le Associazioni Scientifiche Nazionali).

Con lo scompenso cardiaco il cuore, indebolito e troppo rigido, non riesce a pompare sangue nella quantità adeguata a soddisfare i fabbisogni dell’organismo. Ne consegue il danneggiamento dei principali organi, tanto che oggi la metà dei pazienti con scompenso cardiaco muore entro 5 anni dalla diagnosi. Si tratta di una patologia subdola e insidiosa che progredisce nel tempo, spesso senza presentare eventi acuti e sintomi evidenti, che rischiano di non essere riconosciuti o sottovalutati. Tra i primi campanelli d’allarme si può avvertire un senso di stanchezza e debolezza, unito a difficoltà di respiro e mancanza di fiato, anche dopo un leggero sforzo fisico. Nelle sue fasi più avanzate, questo affaticamento e difficoltà di respirazione si possono accusare anche con semplici attività, come vestirsi o camminare in casa, fino a disturbare il riposo notturno, per cui il paziente sente la necessità di alzarsi dal letto per cercare di respirare meglio.

 

Obiettivo della campagna di quest’anno, giunta alla sua quarta edizione italiana, è di fare un passo ulteriore per sensibilizzare e responsabilizzare la popolazione riguardo la prevenzione e la cura di questa malattia attraverso un focus speciale sull’attività fisica. In occasione della Campagna, infatti, sono in programma una serie di eventi dedicati alla promozione di sani stili di vita quali alimentazione, abolizione del fumo, uso responsabile delle bevande alcoliche ma soprattutto al movimento e attività fisica. Saranno numerosi i centri che proporranno ai cittadini gare podistiche, camminate e biciclettate. Queste iniziative hanno l’obiettivo di sottolineare l’importanza dell’attività fisica regolare e responsabile per promuovere in ciascun individuo abitudini di vita sane che permettano di prevenire i fattori di rischio cardiovascolare, come ad esempio sovrappeso, diabete, ipertensione e colesterolo alto.
“Mediante una prevenzione efficace saremmo in grado di prevenire l’80% delle patologie cardiovascolari e perfino il 40% dei tumori2. – spiega Massimo Piepoli, Membro del Board di HFA e Responsabile Unità Operativa Scompenso e Cardiomiopatie, Ospedale di Piacenza – Anche per gli stessi pazienti già colpiti da malattia cardiovascolare e da scompenso cardiaco, l’attività fisica viene altamente raccomandata, alla pari delle terapie mediche e chirurgiche più efficaci, come mezzo di cura e di riabilitazione che permette di recuperare una qualità di vita soddisfacente e di migliorare la sopravvivenza. Oltre alla prevenzione, la diagnosi tempestiva e il controllo dei fattori di rischio permettono di rallentare il decorso della patologia. I progressi compiuti negli ultimi anni ci permettono di intervenire con efficacia. L’arrivo di nuove terapie farmacologiche, infatti, può migliorare la durata e la qualità della vita dei nostri pazienti”.
Riconoscere tempestivamente lo scompenso cardiaco è un primo passo importante, ma va poi gestito con costanza: la qualità di vita di chi ne soffre può risultare fortemente compromessa, lì dove una gestione corretta del quadro clinico e dello stile di vita può garantire ai malati di vivere più a lungo e meglio. “Lo scompenso cardiaco è una patologia a elevata morbilità e mortalità con costi sanitari e sociali altissimi – sottolinea il dottor Luca Baldino, Direttore Generale della AUSL di Piacenza – I ricoveri sono circa 165.000 ogni anno, 500 al giorno. La durata media di ricovero è di 10 giorni per un totale di 1.650.000 giornate ogni anno.  Nonostante l’evidenza dei numeri, si parla poco di questa patologia che pochi conoscono. Risulta quindi evidente come sempre di più, nei prossimi anni, energie e risorse debbano essere investite nella informazione e responsabilizzazione dei cittadini che vanno resi consapevoli dei sintomi precoci, dell’importanza dei fattori predisponenti e della gravità della patologia”.
In quest’ottica il ruolo del cardiologo clinico, in grado di individuare se e quando usufruire di determinati presidi terapeutici tecnologici o farmacologici, risulta fondamentale: “La Federazione – illustra il professor Francesco Fedele, Presidente Federazione Italiana di Cardiologia -, rappresentando a livello europeo e nei rapporti con le istituzioni la cardiologia italiana, ha come priorità la responsabilità di ribadire l’unitarietà culturale e la dignità della specialità cardiologica al fine di promuovere da un lato la ricerca internazionale e dall’altro il miglioramento dei percorsi di cura e l’attribuzione di sempre maggiori risorse per la lotta alla sindrome dello scompenso cardiaco che è la reale epidemia del nostro secolo”.

La Campagna del 2017: Muoviti per il tuo cuore
Saranno circa 40 i centri coinvolti nella Campagna di quest’anno, che si svolgerà nel corso di tutto il mese di maggio e sarà coordinata dall’AUSL di Piacenza. Tutte le informazioni sullo scompenso cardiaco e sulla campagna sono disponibili al sito www.iltuocuore.com. Inoltre, si possono seguire tutte le iniziative alla pagina Facebook www.facebook.com/scompensocardiaco
In Italia, la campagna è realizzata con il sostegno incondizionato di Novartis, da sempre impegnata a fare crescere, tra la società e i cittadini, la consapevolezza in merito a patologie diffuse ma ancora poco note, all’importanza della prevenzione e alla possibilità di cura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *