Al via a Bologna “Post San Diego 2018: Novità dal Meeting della Società Americana di Ematologia”

blood-2194498_1920

A due mesi dalla conclusione dell’ASH di San Diego, il maggior evento mondiale dedicato all’ematologia oncologica e non, i principali specialisti italiani di fama internazionale presenteranno tutte le novità e i progressi verificatisi nel 2018, a livello biologico e terapeutico, in tema di linfomi, CAR-T cell, leucemie acute, leucemia linfatica cronica, mielodisplasie e mielina multiplo.

Accadrà dal 14 al 16 febbraio a Bologna, presso il Royal Hotel Carlton – Sala Giove (Via Montebello 8) durante l’evento “Post – San Diego 2018: Novità dal Meeting della Società Americana di Ematologia”.

 

Prima dell’apertura dei lavori, giovedì 14 febbraio alle ore 11.30, si terrà una conferenza stampa di presentazione dei lavori e delle principali novità presentate all’ASH, l’annuale congresso dell’American Society of Ematology (ASH), tenutosi nel 2018 a San Diego (California), che ha visto riuniti i massimi esperti mondiali, per presentare le grandi novità in questo ambito. Il focus sarà sui nuovi trattamenti e sulle strategie farmacologiche impiegati contro i tumori del sangue, che ogni anno colpiscono oltre 33mila nostri connazionali.

 

Ad aprire i lavori Pier Luigi Zinzani, coordinatore del Post San Diego 2018 e Professore Ordinario di Ematologia, Istituto di Ematologia “L. e A. Seràgnoli”,Università degli Studi di Bologna, che illustrerà le novità per il trattamento dei linfomi. “Il Post ASH, giunto quest’anno alla 12° edizione – spiega il professor Zinzani – è un evento scientifico in grado di dare agli ematologi italiani in tempo reale un aggiornamento completo ed altamente qualificato del Meeting della Società Americana di Ematologia che rappresenta il più importante evento ematologico dell’anno”.

 

Interverrà poi Paolo Corradini,Presidente della Società Italiana di Ematologia e Direttore della Divisione di EmatologiaFondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Università degli Studi di Milano, che spiegherà l’innovativo trattamento, chiamato CART-T che si basa sulla re-infusione ai malati delle proprie cellule precedentemente prelevate e modificate in laboratorio, in modo da diventare killer delle cellule neoplastiche. Di leucemia acuta e delle nuove tecniche di immunoterapia parlerà Fabrizio Pane, Professore Ordinario di Ematologia Università Federico II di Napoli e Direttore U.O. Ematologia e Trapianti di Midollo Azienda Ospedaliero Universitaria Federico II di Napoli; mentre il prof Umberto Vitolo, Direttore S.C. Ematologia Dipartimento di Oncologia ed EmatologiaA.O. Città della Salute e della Scienza di Torino, illustrerà alla platea le rivoluzionarie cure per la leucemia linfatica cronica. Infine, i risultati incoraggianti sulle nuove metodologie contro il mieloma saranno discusse da Giovanni Pizzolo, già Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Ematologia e del Dipartimento MedicoGenerale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona; e le cure per le sindromi mieloproliferative croniche Filadelfia negative da Angelo Michele Carella,coordinatore del Post San Diego e già Direttore di Ematologia e Centro Trapianti di Midollo dell’Azienda OspedalieraUniversitaria San Martino di Genova.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *